Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Google e Microsoft sono i marchi che valgono di più al mondo. La classifica di Brandz: al terzo posto del podio Coca cola
(4 minuti.it) - Google, Microsoft e Coca Cola. Sono questi i marchi di maggior valore al mondo, secondo l'indagine di Brandz "Top 100 Most Valuable Global Brands" del 2009. L'indagine è stilata da Millward Brown Optimor, la società specializzata nella misurazione del valore di marca, in collaborazione con il Financial Times. A livello complessivo, nonostante l'attuale situazione economica, il valore aggregato dei 100 brand in classifica è aumentato nel 2009 dell'1,7% rispetto all'anno precedente, superando i 1.950 miliardi di dollari. Al vertice della classifica si conferma anche per quest'anno Google con un valore di marca che negli ultimi 12 mesi è cresciuto del 16%, passando da quasi 86,1 miliardi di dollari nel 2008 a oltre 100 miliardi di dollari nel 2009. Segue Microsoft che, con oltre 76,2 miliardi di dollari, sale di un gradino posizionandosi al secondo posto. Novità assoluta invece il terzo posto di Coca Cola che sale per la prima volta sul podio con un brand value di 67,6 miliardi. Tra i brand italiani, nei migliori 100 al mondo, sono presenti Gucci, con un valore di marca di quasi 7,5 miliardi di dollari (86° posto), e Tim, con un valore di circa 6,4 miliardi di dollari (99° posto).

 
30/04/2009 10:01
 
NOTIZIE CORRELATE
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.
Ok della Commissione UE per l’acquisizione di Linkedin da parte di Microsoft ma a condizione che, nei prossimi cinque anni, il colosso di Redmond rispetti tre condizioni vincolanti che saranno monitorate dall’UE.
Attraverso un post sul blog aziendale firmato da Kent Walker, vice presidente di Google, l’azienda di Mountain View risponde alla Commissione UE: per loro non c’è alcun abuso di posizione dominante.