Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
I Cdr di Sky confermano lo stato di agitazione dopo l'incontro tra sindacato e azienda
La Federazione Nazionale della Stampa con le Associazioni di Stampa Lombarda e Romana e i Cdr delle quattro testate aziendali hanno incontrato a Milano i rappresentanti di Sky Italia. Al centro del confronto la definizione degli organici redazionali, l’applicazione del contratto nazionale di lavoro giornalistico e il futuro della redazione romana di Sky sport.
Il sindacato ha ribadito l’urgenza di concordare e delimitare l’area e il numero dei contratti a termine, determinando elementi di prospettiva e di certezza lavorativa per i giornalisti non assunti a tempo indeterminato e per i collaboratori.
In quest’ottica è stata chiesta all’azienda la presentazione di piani industriali ed editoriali che individuino con precisione gli organici redazionali e ne traccino le linee di sviluppo produttivo e strutturale.
Nell’attesa delle risposte dell’azienda e dell’evoluzione del confronto sindacale, i Cdr di Sky hanno confermato lo stato di agitazione proclamato nelle scorse settimane.
28/02/2009 20:22
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Sky Italia diventa il terzo polo della produzione e distribuzione cinematografica nazionale, ma le concorrenti storiche del mercato Rai con Rai Cinema e Mediaset con Medusa film non sembrano preoccuparsi eccessivamente.
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.