Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Il Senato statunitense si occupa del futuro della carta stampata, minacciata da Internet e dalla crisi
(ADUC) - Il senatore del Massachusetts John Kerry ha convocato audizioni parlamentari sul futuro dei giornali. Le audizioni saranno condotte dalla Commissione Commercio del Senato, di cui Kerry e' presidente, a partire dal 30 aprile e il senatore ne ha dato notizia in una lettera al Boston Globe, una delle testate minacciate da vicino dal rischio chiusura per la profonda crisi dell'editoria. Le audizioni sono un nuovo tentativo del mondo politico di salvare la carta stampata messa a repentaglio dal crollo degli introiti pubblicitari e dalla minaccia di Internet. Un collega di Kerry, il senatore del Maryland Benjamin Cardin, ha presentato in marzo una proposta di legge che crea la cornice legale per trasformare le societa' dei giornali in entita' non profit. Kerry ha puntato i riflettori sulla crisi dei giornali dopo che il New York Times, che ne detiene la proprieta', ha minacciato di chiudere il Boston Globe se i sindacati non accetteranno tagli pari a 20 milioni di dollari: 'Se i giornali d'America chiudono non ci saranno solo conseguenze per i lavoratori dell'editoria, ma per il nostro sistema democratico in cui la pluralita' di opinioni e un dibattito aperto sono condizioni importantissime', ha detto il senatore.
 
 
21/04/2009 17:05
 
NOTIZIE CORRELATE
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Secondo l’ultima ricerca Nielsen, nel 2016 il mercato pubblicitario italiano del settore dei media/telecomunicazioni ha fatto registrare un aumento del 3,6% rispetto all’anno precedente per una raccolta complessiva pari a 8,2 mld di euro.
La notizia è rilevante non solo per l'entità economica dell'operazione, ma anche per il segnale che essa manda al settore delle tlc e dei content provider radio e tv.
Nella giornata di venerdì il web è andato in tilt a causa di un attacco informatico di alcuni hacker, per ora non identificati, partito da diversi dispositivi smart infettati e diretto ai server della Dyn, una delle più grosse compagnie americane che si occupa di gestire una grossa fetta dei DNS della rete statunitense.