Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Il web rivoluziona il mercato pubblicitario
(Il Sole 24 Ore) - L'Upa, l'associazione degli utenti inserzionisti di pubblicità, ci organizza quello che, nei fatti, è un Congresso Nazionale, all'Auditorium di Roma. Una costante, in molti interventi, è la citazione, un po' patetica, dei propri figli, che viaggiano su un altro pianeta, quello del Web. Più concretamente, De Nardis sottolinea come i giovani tra i 18 e i 24 anni stanno ogni giorno, in media, due ore e mezza on line. Il 94% legge ogni giorno la posta elettronica, il 75% guarda un video e i tre quarti si tengono aggiornati on line. Questa "generazione on line" è «misurabile» molto meglio del pubblico dei media tradizionali (e la privacy? ndr) ma le «informazioni sono praticamente infinite» sottolinea De Nardis e quindi il lavoro di elaborazione che attende gli operatori è gigantesco. I media tradizionali, di fronte al cambiamento della società «liquida», come la definisce il presidente della Fieg Carlo Malinconico, puntano sulla moltiplicazione digitale. E sulla molteplicità delle piattaforme distributive, come la radio. L'asso nella manica é la qualità dei propri contenuti a fronte del caos "senza garanzie" del Web. La crisi, prima o poi, passerà, ripetono tutti ma, aggiunge Enrico Finzi, «la sua eredità sarà una diminuzione tendenziale del saggio di profitto per tutti». Anche perché «il nuovo costa». Costa: ma negli Stati Uniti Arianna Huffington «con zero dollari spesi nel marketing» ha costruito un portale informativo - che include news, commenti, blog - che ha venti milioni di utenti. Il segreto sta nell'indipendenza giornalistica, nell'apporto dei citizen journalist e in quel passaparola che avviene nella Rete e di cui Andy Sernovitz ha dato un efficace dimostrazione al Convegno romano. La Rai con Claudio Cappon e Mediaset con Giuliano Adreani hanno descritto il passaggio dalla tv generalista analogica alla tv digitale terrestre multicanale: i due poli tv sono ottimisti sulle prospettive del business. Non lo dicono ma non vedono, nella tv terrestre, competitors nazionali di rilievo sui contenuti generalisti (intrattenimento , fiction, la stessa informazione). Nè si preoccupano del fatto che l'amministratore delegato di Nestlè Italia Manuel Andres spieghi a Massimo Mucchetti che in Italia una campagna pubblicitaria televisiva costa più che nel resto d'Europa a causa del maggior affollamento, che costringe ad acquistare un gran numero di spazi, anche se il loro costo medio, pur in forte crescita negli ultimi anni, resta tra i più bassi in Europa. Gli editori della Fieg chiedono misure asimmetriche per riequilibrare il mercato pubblicitario italiano, avendo una quota del 33,6% sul totale degli investimenti e contestano chi vorrebbe riservare ai siti Internet della Pubblica Amministrazione la pubblicità istituzionale. Domanda finale: i media italiani e i suoi principali operatori, così come le agenzie e i centri media, sono davvero pronti ad accettare la sfida sintetizzata dal presidente dell'Upa Lorenzo Sassoli de Bianchi nel binomio «trasparenza» e «responsabilità»? I consumatori e gli utenti aspettando la risposta.
 
 
 
 
 
12/03/2009 13:43
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
Lunedì scorso, nel consiglio d'amministrazione presieduto da Giorgio Fossa, è stato deciso il piano industriale de Il Sole 24 Ore per i prossimi 3 anni.
Ricavi consolidati pari a 325 milioni di euro, in crescita di 12,6 milioni di euro, per un progresso del 4%; tutto in continu­ità con la positiva dinamica iniziata nel 2014, grazie alla scelta strategica implementata di creare un sistema multimediale con una filiera di nuo­vi quotidiani digitali specializzati, pienamente integrati con il Sole 24 Ore, che determinano una cresci­ta dei ricavi da contenuti informati­vi digitali ad alta redditività.
I dati ADS (Accertamenti Diffusione Stampa) comunicati in questi giorni parlano chiaro: secondo quanto diffuso Il Sole 24 Ore è il primo quotidiano digitale assoluto in Italia e il secondo quotidiano nazionale per diffusione totale carta + digital (dopo il Corriere della Sera e prima di Repubblica), un successo che rappresenta l’interessante epilogo di un anno in crescita.
Gruppo 24 Ore chiude il 2014 con ricavi consolidati pari a 310 milioni di euro, in crescita dell’1,9% rispetto al 2013. I dati sono da considerare a perimetro omogeneo, al netto dunque della cessione del ramo Business Media e dell’Area Software.