Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Il Wsj scavalca Usa Today. Le news online a pagamento funzionano
Il dieci ottobre scorso, l’editoria statunitense ha subito un scossa più che sorprendente, formalmente anticipata dal bollettino ufficiale dell’Audit Bureau of Circulations.
Usa Today, quotidiano nato nell’82 come alternativa “colorata” e vivace ai grigissimi Wsj e NYTimes, avrebbe perso il primo posto nella classifica relativa alla diffusione dei quotidiani nazionali. Il fenomeno in realtà non riguarda l’aumento di copie diffuse dal Wsj di Rupert Murdoch, bensì il calo della diffusione di Usa Today, per la prima volta da anni attestata sotto i due milioni di copie (effettivamente diminuite del 17%). Parallelamente non si può dimenticare che Wsj conta ormai oltre 350mila abbonati online che di fatto aumentano il potenziale diffusivo del quotidiano finanziario, rendendolo il più popolare tra i quotidiani di informazione economico-finanziaria, nonché il primo portale a pagamento di concreto successo. Nel complesso paradigma dei quotidiani online con news a pagamento il Wsj è l’unico che è riuscito a guadagnarsi una fetta di abbonati esclusivi almeno tanto quanto le notizie pubblicate dalla stessa testata. Ed è ancora l’unico dove il metodo – pagare per leggere contenuti esclusivi – funziona per davvero, confermando la teoria secondo cui l’internauta è disposto ad investire per ottenere fonti verificate e valide. (Marco Menoncello per NL)
12/10/2009 08:59
 
NOTIZIE CORRELATE
La tutela della libertà di espressione passa anche dalla commisurazione della sanzione pecuniaria inflitta ai giornalisti condannati al risarcimento.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
Il mutevole evolversi della coscienza sociale e il proliferare di mezzi di comunicazione di massa (tra cui anche quelli telematici) pongono il problema concernente l'individuazione del ruolo dell’informazione e dei limiti di liceità della stessa, ove potenzialmente lesive della reputazione altrui, nel contemperamento dei diritti del singolo alla diffusione di notizie che, seppur veritiere, potrebbero mettere in pericolo il valore dell’onore, tutelato dalla Carta Costituzionale, e dell’interesse pubblico alla diffusione di notizie di rilevanza pubblica.
Come noto, ai sensi del c. 1 dell’art. 1 della L. 62/2001, per “prodotto editoriale” si intende “il prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici”.
Il presidente Ferro non intende vendere, anzi fa sapere che i suoi avvocati stanno lavorando a un’offerta per comprare. Il gruppo editoriale Gannett di USA Today ha lanciato un’opa sulla news company Tribune Publishing, il cui management pare non avere intenzione di cedere.