Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
In Italia la stampa è “parzialmente libera”: siamo gli unici in Europa. Qualcuno lo dica a Minzolini (Tg1)
Stupisce che quando in Italia si instaura una discussione su problematiche comuni, non si riesca mai ad uscire dalle logiche di campanile.
Sabato c’è stata a Roma la manifestazione a favore della libertà di stampa, con 300mila partecipanti (60mila dice la polizia), interventi di giornalisti, scrittori ed intellettuali autorevoli. All’appello della Federazione italiana della stampa avevano risposto in tantissimi, con firme celebri del mondo dello spettacolo, della scienza, della letteratura, del giornalismo, italiani e stranieri. E' stato un successo, per quanto simbolico, ma un successo. Aveva stimolato una parte d’opinione pubblica, che in tempi come questi è già qualcosa d’importante. Poi è arrivato il signor Minzolini, che se n’è uscito, sabato sera, con un editoriale shock (da ventennio verrebbe da dire, senza timore d’essere smentiti), in cui banalizzava la manifestazione. Il CdR del Tg1, come abbiamo visto, è insorto e si è scagliato contro tale iniziativa. A Minzolini  - che anziché sfruttare l'ottima occasione per tornare sui suoi passi, ha ritenuto di ulteriormente precisare, rincarando la dose - verrebbe da dire che i timori sulla libertà di stampa in Italia non vengono dai capricci di quattro giornalisti invisi al potere. Se il prode Augusto s'informasse, vedrebbe che sono timori generati da fatti oggettivi, da parametri che esulano le leggi del campanile. Lo dicono in tanti, tra cui la Freedom House, l’organizzazione statunitense che si occupa della libertà d’espressione nel mondo, fondata da un certo Franklin Delano Roosevelt. L’Italia, ma ormai non è una novità, è l’unico Paese dell’Europa dei ventisette a non essere inserito tra quelli “liberi”. Il calcolo abbraccia una serie di parametri, tra cui la concentrazione delle proprietà dei media, il ricorso alla denuncia, ai tribunali, alle intimidazioni fisiche ed intellettuali nei confronti dei giornalisti. Superati i 30 punti si cade automaticamente tra i Paesi “parzialmente liberi”. Analizzando i dati riferiti al 2008, che permettono di stilare la classifica del 2009, noi ne abbiamo 32: “parzialmente liberi”, come Israele, come la Turchia, che con 50 è il paese del nostro continente (pur non facendo parte dei ventisette) più a rischio. Ai primi posti, come consuetudine, Islanda, Finlandia, Norvegia, Danimarca e Svezia, e agli ultimi Cuba, il Turkmenistan, la Corea del Nord, la Birmania, la Libia e l’Eritrea. Allora, Minzolini, dobbiamo preoccuparci almeno un tantino? Fa sorridere, poi, come tra coloro che sono stati citati nel rapporto dello scorso anno (dove l’Italia era, per il rotto della cuffia, ancora “libera”) ci siano i giornalisti de “il Giornale”, denunciati da Ferdinando Adornato per aver pubblicato articoli relativi all’acquisto di case a prezzi di favore. Quegli stessi giornalisti che, oggi, gridano allo scandalo perché il sindacato di categoria manifesta contro gli abusi di cui è vittima. (G.M. per NL)
05/10/2009 11:12
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.