Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Incontro tra Paolo Romani (MSE-Com) e Corrado Calabrò (Agcom): collaborazione piena per digitale terrestre
Comunicato del MSE-Com. "Si è svolto oggi in un clima di grande cordialità un incontro fra il Viceministro Paolo Romani ed il Presidente dell’AGCOM Corrado Calabrò. Nell’incontro sono stati affrontati numerosi temi che riguardano la collaborazione fra Autorità e Ministero. In particolare è stato fatto il punto sul passaggio al digitale terrestre. Calabrò e Romani hanno convenuto sull’opportunità di sensibilizzare tutte le emittenti, in particolare il servizio pubblico radiotelevisivo, ad intensificare la campagna di informazione ai cittadini. Un altro tema di grande rilievo affrontato è stato quello dello sviluppo della larga banda nel Paese condividendo la preoccupazione per il ritardo dell’Italia che ha una penetrazione della larga banda inferiore alla media europea. Ne da notizia una nota congiunta Ministero Sviluppo economico – Comunicazioni e Agcom. Entrambi hanno convenuto sulla necessità di definire un piano organico di interventi che veda la collaborazione di tutti gli attori istituzionali. In sede Comunitaria – continua la nota - Romani e Calabrò hanno valutato positivamente i risultati raggiunti grazie ad un’azione convergente, per l’impegno delle amministrazioni italiane presso le Istituzioni europee, nel processo di definizione delle nuove regole comunitarie nel settore delle comunicazioni elettroniche. Particolare apprezzamento è stato espresso per il ruolo svolto dalla nostra Rappresentanza permanente a Bruxelles nel rappresentare con incisività la posizione e gli interessi dell’Italia. Al termine dell’incontro il viceministro Romani ha affermato che “questo incontro odierno consolida ulteriormente gli eccellenti rapporti con l’AGCOM. Nel rispetto della sua funzione istituzionale c’è grande sintonia con l’AGCOM sulle priorità e sulle azioni da intraprendere in sede nazionale e comunitaria” Da parte sua il presidente Calabrò ha sottolineato che ” c’ è convergenza di vedute fra le nostra Istituzioni sul fatto che il passaggio al digitale e la larga banda sono le due grandi priorità dello sviluppo del nostro sistema delle comunicazioni. Ho rappresentato all’On. Romani la disponibilità dell’Autorità ad esercitare in piena indipendenza il suo ruolo di garanzia nell’ambito delle iniziative che saranno messe in campo da Parlamento e Governo. Come sta avvenendo nel resto d’Europa, nell’ambito dello sviluppo delle reti di nuova generazione c’ è forse bisogno di definire un ruolo nuovo per l’Autorità. Su questo ed altri temi ho trovato grande ascolto da parte del viceministro Romani”. Calabrò e Romani hanno convenuto di restare in contatto, con tempestive consultazioni per favorire - conclude la nota - la rapida approvazione e trasposizione delle nuove direttive e per una serie di azioni coordinate relative al passaggio al digitale, alla larga banda e al prossimo contratto di servizio con la Rai, su cui Autorità e Ministero stanno, d’intesa, predisponendo le linee guida.
09/06/2009 20:18
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).
“L’operazione condotta dalle Unità speciali della Guardia di Finanza che ha portato all’oscuramento di 41 siti web che consentivano la visione illecita di film e eventi sportivi in violazione del diritto d’autore, rappresenta un importante colpo inferto alla pirateria on line”.
Attraverso il provvedimento in titolo l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha fissato le misure della contribuzione dovute per l’anno 2017 dai soggetti operanti nei settori delle comunicazioni elettroniche e dei servizi di media, nonché le modalità di versamento e il modello telematico per la dichiarazione dei dati (che sarà pubblicato con successivo provvedimento).
L'Agcom ha dato conto delle modifiche apportate alla delibera n. 666/08/CONS a seguito dell’entrata in vigore della legge 232/2016.