Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Informazione: gli italiani sono attratti dal web, ma si fidano di radio e quotidiani
Il web potente, nuovo e veloce stuzzica. Ma la sete di credibilità e fiducia ci tiene ancora legati alla tradizione di radio e giornali.
Gfk Eurisko, Istituto italiano indipendente per le ricerche sociali e di mercato, su commissione della Ferpi (Federazione Relazioni Pubbliche Italiana), ha studiato il rapporto tra opinione pubblica e comunicazione. Il risultato di tale indagine mostra che gli italiani sono senza dubbio attratti dal mondo, ma affidano prevalentemente l’informazione a due canali di comunicazione: quotidiani e radio. In base al giudizio sociale di attendibilità dell’informazione, la ricerca ha confermato tale gerarchia: radio, amici e parenti, quotidiani, Internet e infine la televisione. Ebbene sì: la svolta del web ha lasciato il segno, soprattutto nel panorama politico, dall’elezione di Obama ai recenti referendum, ma tale incisività non è sufficiente a perfezionare la fidelizzazione dell’utente, ancora affezionato i tradizionali mezzi di conoscenza. La novità e lo stupore suscitato dalla rete è stato monito soprattutto per le radio, che hanno sentito l’esigenza se non il dovere di attuare un processo di modernizzazione, affinchè la tradizione non fosse dimenticata con il passato, bensì rivalutata come uno dei modi migliori per soddisfare le esigenze della società. È la credibilità che spinge il lettore-ascoltatore a non tradire radio e giornali: l’innovazione mobilita la curiosità, spesso la soddisfa, ma non appaga la necessità di sicurezza. Le radici della società ancorate ai connotati tradizionali della comunicazione non escludono, però, tout court il cambiamento, ma lo rincorrono, al fine di attuare strategie innovative e soprattutto in grado di far fronte ai nuovi approcci alla vita professionale e non. L’operato della Ferpi è emblematico: i professionisti delle relazioni pubbliche scelgono una donna (Patrizia Rutigliano) come presidente alla guida dell’associazione: le strategie “rosa” assicurano inventiva, innovazione e propensione al cambiamento. (C.S. per NL)
 
20/06/2011 17:17
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
La tutela della libertà di espressione passa anche dalla commisurazione della sanzione pecuniaria inflitta ai giornalisti condannati al risarcimento.
Il rigore del metodo è ciò che conferisce alle scienze dure credibilità e affidabilità e, per questo motivo, vanta numerosi tentativi di esportazione in altre aree del sapere. Se da uno studio dipendono decisioni importanti, poi, rasserena poter contare su un metodo considerato garanzia di conoscenza (quasi) certa della realtà oggettiva. La pubblicità in radio, tuttavia, non gode di questo privilegio.