Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Informazione intimidita: tocca a LiberoReporter

(Adginforma.it) - Intimidazioni e minacce a LiberoReporter. Telefonate anonime spesso silenziose, sputi sulle macchine parcheggiate davanti alla redazione e un tentato omicidio al direttore editoriale Daniela Russo. La giornalista, uscita da casa, ha constatato a suo rischio e pericolo il non funzionamento dei freni della sua macchina. Il problema, come riscontrato dal meccanico di fiducia, era dovuto all’assenza del liquido dei freni e non c’erano perdite. Qualcuno ha quindi manomesso l’impianto, mentre la macchina era parcheggiata sotto casa. Per fortuna la giornalista procedeva a velocità talmente ridotta da potere utilizzare il freno a mano senza correre rischi, ma l’esito poteva essere tutt’altro. In seguito all’accaduto, è stata presentata una denuncia contro ignoti. “Di certo noi continueremo il nostro lavoro di inchiesta che è alla base della linea editoriale della nostra rivista – sostiene Gaetano Baldi, direttore responsabile del periodico – non ci faremo certamente intimidire: informare puntualmente resta la nostra missione”. La redazione, inoltre, ringrazia tutti i giornalisti che hanno voluto diffondere la notizia delle minacce ricevute da LiberoReporter, perché così facendo l’editoria italiana si è realmente mossa in favore della libertà di stampa. “Quella libertà di stampa – si legge nella nota della redazione pubblicata online – che ha permesso a LiberoReporter di dedicarsi a importanti inchieste, fatti spesso occultati ma che toccano da vicino la vita di tutti i cittadini e minano la libertà”.

LiberoReporter
http://www.liberoreporter.it

30/04/2009 14:34
 
NOTIZIE CORRELATE
La tutela della libertà di espressione passa anche dalla commisurazione della sanzione pecuniaria inflitta ai giornalisti condannati al risarcimento.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
Il mutevole evolversi della coscienza sociale e il proliferare di mezzi di comunicazione di massa (tra cui anche quelli telematici) pongono il problema concernente l'individuazione del ruolo dell’informazione e dei limiti di liceità della stessa, ove potenzialmente lesive della reputazione altrui, nel contemperamento dei diritti del singolo alla diffusione di notizie che, seppur veritiere, potrebbero mettere in pericolo il valore dell’onore, tutelato dalla Carta Costituzionale, e dell’interesse pubblico alla diffusione di notizie di rilevanza pubblica.
Come noto, ai sensi del c. 1 dell’art. 1 della L. 62/2001, per “prodotto editoriale” si intende “il prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici”.
A Palazzo Pirelli cronisti e forze dell’ordine a confronto: il mondo dell’informazione cambia e stare al passo richiede sforzi congiunti.