Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Inghilterra. Finisce la serie tv, la star si suicida

(Affari Italiani) - L’hanno trovata impiccata in un campo sabato sera, due giorni dopo la fine della serie tv in cui aveva un ruolo da protagonista. Stephanie Parker, 22 anni, star di Belonging, telefilm in onda sulla Bbc, viveva nel sud del Galles, ed era in tv da quando, quindicenne, era entrata a far parte del cast della serie che racconta i problemi e le eccentricità della famiglia Lewis e dei suoi vicini, sospesi fra le tradizioni del vecchio Galles e la modernità. La serie era finita dopo nove anni. Nove in cui Stephanie era passata da giovanissima sconosciuta a brillante interprete di Stacey Weaver, mamma (in tv) che Clare Hudson, numero uno della Bbc gallese, definisce «immensamente talentuosa. La bravura di Stephanie- spiega al Guardian- ha avuto un ruolo fondamentale nel successo di Belonging, e credo che i fans saranno choccati dalle ultime notizie». Sui siti dedicati alla serie sono immediatamente apparsi i commenti degli ammiratori. «Non dimenticherò mai quando ci siamo incontrati» scrive Simon M Thomas. «Mi mancherai molto». Non ci sono statistiche per l’ultimo anno, ma tra il gennaio 2007 e il febbraio 2008, 17 persone con meno di 27 anni si sono uccise nella stessa zona; nell’anno ancora precedente, nella South Thames Valley c’era stato un suicidio a settimana. Nessuno ha mai stabilito un legame certo tra questi eventi, ma si ipotizzò una perversa aspirazione alla notorietà postuma sui siti "in memoriam" diffusi su Internet.

20/04/2009 15:27
 
NOTIZIE CORRELATE
Il nuovo piano di spesa comporterà tagli, entro il 2022, di oltre 100 milioni di euro. Il governo interviene a supporto della redazione internazionale. Previsto per fine marzo un riassetto editoriale.
Non sembrano aver fine i tagli in casa Bbc, società concessionaria in esclusiva del servizio pubblico radiotelevisivo nel Regno Unito, nonché il più grande editore radiotelevisivo inglese con sede a Londra: da febbraio 2016, infatti, Bbc3, il canale dedicato ai giovani, abbandonerà la tv lineare per diventare un canale unicamente on line.
La Bbc annuncia all’orizzonte ulteriori tagli che rischiano di tradursi in almeno 30 mila nuovi licenziamenti all’interno dell’industria televisiva inglese.
L’azienda del Regno Unito pressa gli utenti che si rifiutano di pagare il canone televisivo, che ammonta a 145,5 sterline: “Facciamo bene a fare tutto quello che possiamo” tuonano i vertici.
Il rigido contenimento dei costi, che dura ormai dal 2011, ha colpito adesso anche BBC News: il complesso delle redazioni giornalistiche dell’emittente di stato inglese, costituito da 8 mila persone, subirà presto una decimazione di 500 unità.