Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Inquinamento elettromagnetico, Torino: firmato il protocollo d'intesa per la costruzione di due torri da 140 metri entro il 2010
Dovrebbe essere in via di risoluzione il trentennale problema di natura urbanistica, ambientale e sanitaria che affligge l'importante sito tecnologico di Colle della Maddalena, a Torino, strategico per l'illuminazione del capoluogo di regione. La Provincia di Torino e i quattro consorzi di emittenti piemontesi hanno infatti sottoscritto nelle scorse settimane il protocollo d'intesa per la bonifica dell'area, prevedendo la costruzione di due tralicci da 140 metri caduno, dove confluirà la quasi totalità degli impianti esistenti nei comuni di Moncalieri e Pecetto (ad eccezioni delle infrastrutture di RAI e Mediaset), consentendo anche la delocalizzazione di molti diffusori di Superga (l'altro sito tecnologico destinato al servizio sulla città ed oggetto di problemi di inquinamento elettromagnetico). Per la costruzione delle torri, che saranno collocate a est del Faro della Vittoria e saranno intervallate da un fabbricato parzialmente interrato (per un investimento in project-financing, coordinato da Finpiemonte, di circa 8 milioni di euro, che sarà ripagato dall'affitto alle emittenti), sarà indetta una gara entro fine 2009 con l'obiettivo di concludere i lavori entro l'anno successivo. A livello operativo, le emittenti titolari degli impianti costituiranno un consorzio apposito e parteciperanno alla progettazione e alla gestione degli impianti, mentre la Provincia coordinerà l'attività. Il progetto dovrebbe finalmente porre fine anche ai numerosi procedimenti penali pendenti avanti alla Procura di Torino: sebbene la maggioranza delle emittenti sia stata ridotta a conformità (anche con riduzioni rilevanti della potenza di emissione, spesso non compatibile con le esigenze di servizio), la presenza di almeno tre casi di stazioni (ancora) inquinanti ha spinto il procuratore Raffaele Guariniello a non concedere proroghe al risanamento definitivo.
14/06/2009 15:52
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 252 del 27/10/2016 il decreto del 05/10/2016 del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare recante l’approvazione delle “linee Guida sui valori di assorbimento del campo elettromagnetico da parte delle strutture degli edifici”.
Con sentenza depositata il 21/06/2016 in Segreteria, il TAR Lazio ha respinto il ricorso 10528/2003 e nel contempo accolto il ricorso 12364/2015 promosso da RAI WAY avverso l'Ordinanza del Sindaco del Comune di Rocca di Papa del 12/08/2003 che aveva ordinato la demolizione delle antenne di Monte Cavo Vetta e il verbale di accertamento 2236/2015 circa l'inottemperanza alla citata ordinanza di ingiunzione, sgombero e demolizione.
Riunione, oggi pomeriggio a Palazzo di Città, sul recente pronunciamento del Tar del Lazio in merito al ricorso della società Rai e Rai way contro da Delibera dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.
Tutto da rifare per il sito radioelettrico di San Silvestro, sulle alture di Pescara, postazione strategica per il servizio cittadino da decenni al centro di un braccio di ferro giudiziario e politico coi residenti che vogliono la delocalizzazione delle antenne.