Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Interferenze internazionali: la politica precisa della Svizzera
"Leggo sempre con piacere i vostri articoli e questa volta, purtroppo, trovo che l'editoriale in oggetto stoni un po' con i contenuti che sempre offrite.

I nostri vicini confederati, in primis, hanno adottato una politica precisa con il dvb-t. Si sono date delle scadenze e le hanno rispettate. In Ticino ormai dal 2006 praticamente tutti i ripetitori hanno abbandonato l'analogico (è rimasto qualche ripetitore minore in analogico ma ora penso che non siano più attivi nemmeno quelli). Noi, invece, abbiamo continuato a rinviare e non è ancora chiaro quando passeremo totalmente al dvb-t. Hanno ragione a porre delle condizioni, se nel rispetto della normativa internazionale. Problema interferenze. Non viene menzionato il caso di alcune radio italiane che hanno acceso frequenze praticamente solo per illuminare il Canton Ticino (...). Da una parte ci saranno impianti ormai disattivati; ma dall'altro ... D'altra parte nel 2004 da Castel San Pietro solo per una settimana le radio svizzere sono arrivate alle porte di Milano. Poi o le radio italiane hanno aumentato la potenza o quelle svizzere sono state ridimensionate. L'unica radio che a tratti si può ascoltare fino a Milano è radio 3iii sui 106.5 Mhz perchè occupa una frequenza abbastanza libera. Vi saluto cordialmente e continuerò a leggervi con piacere". (G.F.)

 
La nostra tirata d'orecchie non era nei confronti degli svizzeri, ma della nostra amministrazione pubblica. La quale, inadempiente nell'attuazione del Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze per la radiodiffusione sonora, assume impegni che poi scarica sui privati. (NL)
28/07/2009 12:40
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).