Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Internet: aumentano i falsi siti con nomi di attori e prodotti famosi
(ADUC.it) - La Fifa e Scarlett Johansson, ma anche la BBC, l'universita' di Yale, eBay, Google e il BlackBerry: sono solo alcune delle ultime vittime del 'cybersquatting', ovvero la registrazione di siti internet falsi che sfruttano il nome di celebrita' e aziende famose. Il fenomeno nel 2008 ha registrato cifre record, informa l'Organizzazione mondiale per la proprieta' intellettuale (Wipo) dell'Onu, che l'anno scorso ha giudicato piu' di 2.300 casi. Oltre all'utilizzo illegittimo dei siti, obiettivo dei 'cybersquatter' e' accaparrarsi nomi di dominio web che corrispondono a marchi o personaggi per rivenderli ai diretti interessati, e cioe' alle persone e alle societa' cui i nomi appartengono. A livello geografico, l'86% dei casi sottoposti alla Wipo nel 2008 facevano riferimento a nomi di dominio in lingua inglese. Tra i settori, invece, a totalizzare il maggior numero di denunce e' quello farmaceutico, con una crescita di siti che vendono medicinali a marchio protetto. Seguono i settori bancario e finanziario, internet e le telecomunicazioni. Negli ultimi 10 anni oltre 14 mila casi sono stati sottoposti alla Wipo. E la situazione, spiegano i funzionari dell'organizzazione, e' destinata a peggiorare. l'Icann - ente internazionale no-profit che gestisce la rete internet - ha infatti annunciato l'introduzione di nuovi domini di primo livello generici, cioe' delle alternative ai suffissi '.com' o '.net'. L'effetto sara' quello di moltiplicare gli indirizzi web registrabili, anche da parte dei 'cybersquatter'.
 
17/03/2009 15:36
 
NOTIZIE CORRELATE
Per un'applicazione web ci vogliono molti specialisti, ma per garantire che funzioni per tutto il ciclo di vita è indispensabile il personale delle "web operations", che ha la competenza necessaria per gestire svariate situazioni prevedibili e non, per esempio quando una startup vive un picco di traffico inatteso o quando una nuova funzione blocca un'applicazione peraltro matura.
Previste da una Direttiva del Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione, le linee guida per il 2011 indicano criteri e strumenti per razionalizzare i contenuti on line delle pubbliche amministrazioni, ridurre i siti web pubblici obsoleti e migliorare quelli attivi.
Portali web: più di uno su dieci (10,7%) tra quelli che operano in Italia ha sede a Milano, per un totale di 25 imprese attive al quarto trimestre 2009.
E' oramai un dato acquisito il fatto che la terza dimensione dello scambio di informazioni quale è internet estenda la cerchia delle problematiche connesse alla consumazione dei reati ed alla lesione di diritti ed interessi in ambito civilistico.
C’era chi trascriveva sul polsino bianco della camicia le formule di matematica, chi le incollava sotto la suola delle scarpe.