Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Internet e privacy. Facebook fa un passo indietro
A seguito di numerose proteste Facebook ripristina le vecchie regole sulla privacy. Alcuni commi erano stati recentemente cambiati, ma il fatto che prevedessero il completo dominio dei dati da parte dell'azienda statunitense non era affatto piaciuto ai patiti del social network più popolare del momento.
Essere o non essere (su Facebook), questo è il problema. Quanti di noi si sono fatti questa domanda prima di decidere di iscriversi al social network più popolare del momento? I vantaggi sono indubbiamente molti, ma c'è sempre una certa preoccupazione per la propria privacy. Che fine faranno le informazioni che io, direttamente o indirettamente, inserirò in rete? E quelle che inseriscono gli altri sul mio conto? La maggior parte delle persone si preoccupa del fatto che proprie immagini o informazioni personali non vengano messe a disposizioni di “persone non gradite”. Estesissima è infatti la casistica di ex fidanzati che si arrabbiano vedendo qualche foto particolarmente piccante, che il proprio capo venga a conoscenza di cose di cui non avrebbe dovuto, e via dicendo. Pare addirittura che i più agguerriti selezionatori, prima di un colloquio, controllino il profilo Facebook del candidato per scandagliare nel suo passato. C'è un'altra cosa di cui dovremmo preoccuparci però. Meno invasiva all'apparenza ma altrettanto scomoda. Che uso fa l'azienda Facebook dei nostri dati? Dove vanno a finire? Rimangono archiviati anche quando noi li cancelliamo? Vengono venduti a società che fanno ricerche di mercato? In pochi si fanno queste domande ma, proprio su questi delicati aspetti, si sta combattendo un'aspra battaglia tra il management di Facebook e un folto gruppo di utenti decisamente furibondi. Succede infatti che qualche tempo fa, senza particolare preavviso, la società ha cambiato alcuni comma dei “Term of service” che regolano appunto i meccanismi a tutela della nostra privaci. I “Terms of service” sono quella cosa che noi accettiamo con un semplice clic, senza nemmeno leggerli a volte, quando ci registriamo ad un qualsiasi sito internet. Sono un contratto tra noi e l'azienda: firmandolo accettiamo di sottostare alle regole del sito. Cambiare “le regole del gioco” senza preavviso non è proprio una gran mossa. Facebook lo ha fatto, andando a toccare il punto più delicato della relazione tra sé ed i propri utenti. Le nuove regole prevedevano che tutti i dati inseriti potessero essere considerati di proprietà di Facebook, anche dopo la loro cancellazione (anche dopo che decidiamo di cancellare il nostro intero profilo da Facebook). Questa cosa ha fatto arrabbiare non pochi utenti, che si sono raggruppati – colmo dei colmi – proprio in un gruppo su Facebook appositamente costituito solo pochi giorni fa. L'azienda è stata quindi costretta a fare marcia indietro, ripristinando le vecchie norme (che non concedevano tutti i diritti sui nostri dati a Facebook), e ad impegnarsi a scrivere le nuove regole consultando i propri utenti. A quanto pare quindi, almeno nel mondo virtuale, il confronto “democratico” funziona. (Davide Agazzi per NL)
23/02/2009 13:12
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.