Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Internet e produttività. Ora è Facebook il problema nel mirino
Il ministro più amato dagli italiani (per ora) ha dichiarato di voler fare la lotta a Facebook per aumentare la produttività degli uffici pubblici. Anche a costo di perdere popolarità, dice Brunetta. L’obiettivo è dunque quello di proibire l’accesso ai social network da parte dei dipendenti pubblici. Niente Facebook per i fannulloni, insomma. Perché, secondo il ministro, è anche da questo che dipenderebbe la scarsa produttività della pubblica amministrazione italiana. In realtà, il nesso causale è tutto da provare. Ma è così che sembrano pensarla tanti politici e manager d’azienda che promuovono provvedimenti di tal guisa. Si potrebbe dire che va di moda dare a questo tipo di provvedimenti l’etichetta di “operazione anti fannulloni” e in questo modo si giustifica una restrizione (piccola o grande che sia, a seconda del punto di vista) della libertà personale, ipotizzando di poter così aumentare l’impegno dei lavoratori. Come se fosse solo internet la distrazione di chi proprio non ha voglia di lavorare. In realtà di giustificazioni ce ne sarebbero di ben più valide: per esempio quelle legate a questioni quali la protezione dei dati e delle reti aziendali. Perché è tramite siti come Facebook o i network peer to peer che potenzialmente vengono trasmessi i virus più insidiosi e sono siti come quello di YouTube che, per via della pesantezza dei video che si scaricano, rischiano di “ingolfare” le intranet aziendali. Ma, si sa, una contestazione fortemente "tecnica" avrebbe ritorni d'immagine politica meno efficaci. (Davide Agazzi per NL)
20/05/2009 14:08
 
NOTIZIE CORRELATE
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.
Facebook punta al mercato musicale per migliorare la sua rendita, e conta di farlo continuando a sfidare Google e la sua colossale piattaforma video, il contenuto online che crea maggior engagement in assoluto.
Se si parla di diffamazione, Facebook e i social non sono assimilabili alla stampa ma vanno considerati come mezzo di pubblicità: così stabilisce una recente sentenza della Cassazione.
Il fermento suscitato dalle elezioni presidenziali americane sembra aver portato alla luce il fenomeno preesistente delle “fake news” (le "bufale"), contro il quale pare si stia avviando una vera e propria “guerra”.
Facebook sta lavorando alla realizzazione di un applicazione mirata ad inserirsi all’interno di dispositivi da collegare al televisore o agli Apple TV, incentrata sui video.