Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Internet: IBM punta a rivoluzionare il settore dei motori di ricerca. In una parola SAPIR
Nel complesso sistema dei motori di ricerca, oggi dominato da colossi come Google, Yahoo e MSN, si affaccia anche IBM che promette grande innovazione del settore. E’, infatti, in fase di sviluppo SAPIR (Search in Audio-Visual Content Using Peer-to-Peer Information Retrieval).

Questo nuovo motore di ricerca basa la propria forza sull’architettura peer-to-peer, indicizzando gli archivi costituiti da milioni di elementi multimediali ed estrae dai diversi tipi di file i descrittori che contengono le diverse informazioni. Una demo di prova di SAPIR è disponibile a questo link. La tecnologia quindi compara tali descrittori su altri file esistenti per aiutare a identificare che cosa si trova nell’immagine o nel video. Si tratta di un approccio differente, e per questo innovativo, rispetto a quello seguito dalla maggior parte delle tecnologie di ricerca esistenti che tipicamente passano al setaccio le immagini basandosi sui “tag” testuali assegnati alle foto. Le applicazioni, promettono gli sviluppatori di questa nuova applicazione, potranno essere differenti e multiple: dal campo giornalistico a quello commerciale a quello medico. Dietro le quinte del progetto SAPIR, però, non c’è solo IBM ma un consorzio formato da Research- Haifa, Israele; Istituto di Scienza e Tecnologie dell’Informazione, Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Italia; Max-Planck-Gesellschaft Zur Foerderung der Wissenschaften E.V. (MPG), Germania; Eurix S.R.L. (EURIX), Italia; Xerox – SAS (XRCE), Francia; Masarykova Univerzita (MU Brno), Repubblica Ceca; Telefonica Investigacion y Desarrollo sa Unipersonal (TID), Spagna; Telenor ASA (TELENOR), Norvegia; Università degli Studi di Padova (UPD), Italia. (L.B. per NL)

15/09/2009 06:29
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Si allontana ancora un po’ la cessione da parte di Yahoo di buona parte delle sue attività al gruppo di telecomunicazioni statunitense Verizon.