Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Internet. Il dominio facebook.it e' di Facebook
Sconfitta in Italia per il cybersquatting, il fenomeno di accaparramento di nomi di dominio corrispondenti a marchi o nomi di personaggi famosi: il dominio facebook.it e' stato riassegnato al piu' popolare social network del mondo. A deciderlo gli esperti del Crdd (Centro risoluzione dispute domini), ente accreditato dal Registro dei domini italiani per la gestione delle procedure di riassegnazione dei nomi a dominio.Il provvedimento (http://www.crdd.it/decisioni/facebook.htm) dispone dunque la riassegnazione del dominio facebook.it alla societa' Facebook Uk Ltd e recepisce tutte le sue contestazioni, 'fino alla malafede da parte del 'cybersquatter internazionale' John Michael Preston' che in Italia vanta anche altri domini identici a marchi famosi, come l'americana Graco Baby, leader nell'arredamento per l'infanzia, o il colosso dei giocattoli elettronici, Leapfrog. Il fenomeno degli abusivi sul web e' in costante crescita nel mondo: una recente indagine MarkMonitor rivela come l'80 per cento delle occupazioni abusive riscontrate nel 2007 ad oggi sono ancora attive. E per l'Organizzazione mondiale per la proprieta' intellettuale (Ompi), il 2008 e' stato un anno boom, con l'8% di crescita rispetto all'anno precedente e casi 'di scuola', come la Fifa e Scarlett Johansson, ma anche la Bbc, l'universita' di Yale, eBay, Google e il BlackBerry. Fra i contenziosi in corso di cui e' prossima la decisione, altri domini importanti quali missitalia.it e igoogle.it. (ADUC)
 
10/06/2009 18:52
 
NOTIZIE CORRELATE
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.
Facebook punta al mercato musicale per migliorare la sua rendita, e conta di farlo continuando a sfidare Google e la sua colossale piattaforma video, il contenuto online che crea maggior engagement in assoluto.
Se si parla di diffamazione, Facebook e i social non sono assimilabili alla stampa ma vanno considerati come mezzo di pubblicità: così stabilisce una recente sentenza della Cassazione.
Il fermento suscitato dalle elezioni presidenziali americane sembra aver portato alla luce il fenomeno preesistente delle “fake news” (le "bufale"), contro il quale pare si stia avviando una vera e propria “guerra”.
Facebook sta lavorando alla realizzazione di un applicazione mirata ad inserirsi all’interno di dispositivi da collegare al televisore o agli Apple TV, incentrata sui video.