Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Internet, larga banda: migliora, pur di poco, qualità connessione e penetrazione in Italia. Brunetta promette due mega per tutti dal 2010
Secondo quanto emerso dall’analisi “Broadband Quality Index” (Bqi) sulla qualità della connessione in banda larga, nel nostro paese è aumentato del 5% il livello di penetrazione, passando dal 51% del 2008 al 56% di quest’anno.
Lo studio - realizzato da un gruppo di studenti MBA della Said Business School dell'Università di Oxford e dal Department of Applied Economics dell'Università di Oviedo - posiziona l’Italia al 38° posto su 66 paesi analizzati con riguardo alla qualità di connessione, assegnandole un punteggio di 28,1 su 100. Un risultato che è comunque ancora lontano dalla soglia (fissata a 50) che si ritiene indispensabile per poter usufruire in maniera accettabile delle applicazioni che prenderanno piede nei prossimi 3-5 anni. Il più alto punteggio in Europa è stato conseguito dalla Svezia, che ha visto crescere la sua qualità di connessione (Broadband Quality Score) del 38%, mentre la classifica a livello mondiale è capitanata dalla Corea del Sud, seguita dal Giappone. Quanto all’Italia, proprio al fine di conseguire uno sviluppo dell’utilizzo della larga banda, il ministro Brunetta (foto) ha promesso “due mega di banda larga per tutti a partire dal 2010”. Durante la trasmissione radiofonica “Il Brunetta della Domenica”, il ministro ha dichiarato di guardare al modello dei paesi nordici, dove a tutti è garantito un mega di larga banda. “Sto puntando a fare la stessa cosa in Italia” – ha affermato –“perchè solo attraverso una rete Internet efficiente possono passare documenti, certificati e si può arrivare così a un vero cambiamento della burocrazia”. (dichiarazione tratta da Adnkronos). Se dunque, ancora si è molto lontani dal raggiungere i traguardi dei paesi del Nord Europa, dove addirittura, come è accaduto in Finlandia (è notizia di ieri), la connessione a banda larga è stata garantita per legge a tutti i cittadini, in Italia si sta comunque investendo per superare i problemi che ostacolano lo sviluppo della connessione ad alta velocità, quali la bassa alfabetizzazione informatica e soprattutto il digital divide. Le parole di Brunetta si riferiscono, infatti, ad un progetto del governo che, come chiarito dal viceministro alle Comunicazioni, Paolo Romani sul Corriere delle Sera (corriere.it edizione del 17/10/2009), è finalizzato a superare le differenze infrastrutturali tra le zone del nostro paese, consentendo, in primo luogo, a tutti i cittadini di navigare ad almeno 2 mega “entro il 2011-2012”, per poi raggiungere, negli anni a venire, una connessione di 50 mega. (D.A. per NL)
18/10/2009 17:19
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
In arrivo il 5G anche in Italia dopo una lunga attesa. All’evento “Quale 5G? Il Parlamento Europeo e una roadmap nazionale” si è fatto il punto sui passi avanti dell'Italia nel passaggio alla nuova tecnologia: “abbiamo scelto di sentire gli operatori tlc e altri stakeholder per capire quale tipo di 5G vogliamo costruire, in base al tipo di servizi che saranno sviluppati – ha sottolineato il senatore Pd Sergio Boccadutri presente al meeting – mobilità, salute, telemedicina, realtà virtuale, energia e gamification sono solo alcuni esempi dei nuovi servizi che saranno sviluppati con il 5G”.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
Il fenomeno del “digital divide” (divario esistente tra chi ha accesso alle tecnologie dell’informazione e chi invece ne è escluso, in parte o del tutto) è stato notevolmente ridotto, ma preoccupante è la questione riguardante i ritardi cronici in termini di realizzazione delle infrastrutture necessarie per le comunicazioni a banda larga nelle zone a fallimento di mercato a causa di procedimenti di rilascio dei permessi da parte degli enti amministrativi troppo lunghi.