Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Internet. Libertà e diritto d'autore: convegno Altroconsumo
Pirateria, mercato digitale, equo compenso. Ruolo della Siae e dei provider. Diritti e doveri in rete. Se ne parla domani, il 23 aprile, in un convegno organizzato da Altroconsumo a Roma (Sala delle Colonne della Camera dei deputati, dalle 9.30 alle 17). Parteciperanno, fra gli altri, il Commissario europeo Meglena Kuneva e i parlamentari Gabriella Carlucci, Giovanna Melandri e Gianpiero D'Alia. Oltre a rappresentanti dell'industria musicale, dei provider , degli editori e dei consumatori.Il tema è ampio: l'obiettivo è quello di analizzare, con tutte le parti interessate, le più importanti questioni di attualità legate a un corretto ed efficace sviluppo del mercato digitale. Dedicheremo un'attenzione particolare ai diritti e ai doveri sia di chi gestisce sia di chi utilizza la Rete. Bisogna salvaguardare il mondo di internet dagli illeciti (violazione della privacy, diffamazione...), senza però mettere il bavaglio alla libera circolazione delle informazioni.

 

 
 
22/04/2009 15:21
 
NOTIZIE CORRELATE
La SIAE accoglie la richiesta del presidente dell’Associazione Internet Media - ing.
Maxi sequestro del Tribunale di Roma 152 siti web che diffondevano via internet servizi “piratati” che consentivano all’utente della rete di assistere gratuitamente alla visione di film o di eventi sportivi.
L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sostiene la necessità di una riforma che interrompa il monopolio della SIAE nel mercato della gestione dei diritti d’autore in quanto lesivo sia della libertà di iniziativa economica che di quella decisionale degli autori.
E’ cresciuto del 21% il mercato discografico nel 2015; i supporti fisici in leggero calo ma ancora producono la maggior parte del fatturato. Sul digitale in discesa i download e boom dello streaming, soprattutto a pagamento.
La Guardia di Finanza ferma a La Spezia uno dei tanti servizi di IpTv illegali esistenti e già segnalati lo scorso mese da questo periodico; si stima che abbia prodotto guadagni per 50mila euro agli ideatori e perdite per mezzo milione agli operatori pay italiani.