Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Intervento di De Bortoli al Corsera con un appello: “Notizie, notizie, notizie. Verificate, verificate, verificate”. Un pensiero per Biagi, Buzzati, Tobagi e Cutuli
Notizie, notizie, notizie. Verificate, verificate, verificate”. Lo ha detto Ferruccio De Bortoli rivolgendosi ai giornalisti del Corriere della Sera per la prima volta dalla designazione alla direzione del quotidiano di via Solferino. De Bortoli si è rivolto ai futuri colleghi con un appello a “rispettare di più il diritto del lettore ad avere una rappresentazione onesta della realtà “, sottolineando comunque la continuità della propria visione rispetto alla storia della testata. “E’ bello ed emozionante ritrovarvi”, ha detto De Bortoli tra l’altro ricordando la propria “esperienza trentennale” in un giornale “dove sono entrato come cronista. E tale spero di rimanere”. Rispetto al direttore uscente, Paolo Mieli, ha ricordato come “non c’é solo amicizia ma forte continuità professionale e culturale. Mieli continuerà a scrivere, e io ne sono onorato, sul suo giornale. Come fece quando ereditò la rubrica di Montanelli, che lui riportò al Corriere”. "Oggi i giornali sono in crisi anche perché si occupano di una percentuale infinitamente piccola della vita quotidiana dei propri lettori", ha detto De Bortoli dopo aver ricordato i profondi cambiamenti in atto nell'informazione. "Vi dev'essere una ragione profonda che lega il lettore al proprio quotidiano. E questa ragione sta nella qualità e nella credibilità dell'informazione", ma anche nella "capacità del giornale di rappresentare la comunità a cui si rivolge" e "di difenderla nei suoi bisogni, persino nelle sue paure". "Insieme faremo un buon giornale, serio, onesto, costruttivo, libero, inattaccabile per qualità e competenze", ha detto in un intervento articolato e in cui ha tra l'altro ricordato anche Enzo Biagi e Dino Buzzati. In chiusura, ha rivolto un pensiero a Walter Tobagi e Maria Grazia Cutuli, "uccisi semplicemente per aver fatto il proprio lavoro". "Il prezzo della libertà di stampa - ha detto - è anche questo e noi non dobbiamo mai dimenticarcelo". (ANSA).
07/04/2009 20:49
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Esiste ancora, nell’ambito giornalistico, una disparità di trattamento retributivo legata al genere di appartenenza. Questo, almeno, è il dato evidenziato da un articolo pubblicato sul sito di INPGI notizie intitolato “8 marzo/Le giornaliste continuano ad essere penalizzate”.
Le novità in tema di pensioni per i giornalisti non finiscono con la riforma dell’Inpgi: dal 1 gennaio 2017 è in vigore il cumulo gratuito dei contributi.
Approvata la nuova riforma pensionistica per l’Inpgi, ma non cessano le voci di protesta e i timori sul futuro dell’Istituto. La riforma, che ha ricevuto il placet di Ministero del Lavoro e Ministero dell’Economia, si è resa necessaria perché i conti in rosso dell’ente ne facevano presagire, nel giro di pochi anni, la chiusura o l’assorbimento nella cassa Inps.