Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Investimenti pubblicitari. Internet sorpassa la tv, almeno in Inghilterra
La notizia va presa con tutte le cautele del caso. Però è di quelle grosse: Internet ha superato la tv, almeno per quel che riguarda gli investimenti pubblicitari.
E almeno in Inghilterra. Nonostante lo stupore di fronte ad una notizia del genere sia da considerarsi piuttosto scontato, il rapporto curato dall'Internet Advertising Bureau e Pricewaterhouse Coopers parla chiaro. Gli investimenti pubblicitari del primo semestre 2009 si sono diretti soprattutto sul web, che è cresciuto del 4,6% rispetto al 2008, arrivando ad occupare una quota di mercato del 23,5%. La tv generalista è invece in caduta libera: la sua quota di mercato è precipitata dal 21,9% al 16,1%. Il web sorpassa la tv dunque, almeno per quest’anno. In un anno nero, in cui gli investimenti in pubblicità sono calati di oltre il 16%, le aziende inglesi, a quanto pare, hanno preferito continuare ad investire sul web (relativamente meno costoso e capace di filtrare meglio target specifici), tagliando di conseguenza i budget per la tv. Probabilmente il fulcro del cambiamento risiede proprio nella facoltà, tipica di internet, di creare campagne pubblicitarie più mirate, potendo selezionare più facilmente quali siano i siti web ai quali gli utenti, divisi per età e categorie, hanno generalmente accesso. Del resto, l’attuale momento di crisi internazionale - che sembrerebbe all’inizio di una lenta, quanto dolorosa ripresa - favorisce la ricerca di investimenti più “sicuri”. E se gli inglesi considerano il web un strumento promozionale safe, potrebbe essere lì che i giornali online, tra gli altri, godranno di una ripresa più celere. (Davide Agazzi per NL)
06/10/2009 08:01
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.