Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
iPod Shuffle con VoiceOver, radio di sintesi?
(Radio Passioni) - Non è esattamente come ascoltare il deejay di un programma musicale, ma è possibile che la nuova funzione di VoiceOver introdotta nell'ultima versione dell'Apple iPod Shuffle, uscito proprio in questi giorni, apra la strada ad applicazioni e servizi che potrebbero aumentare ulteriormente il divario tra la radio tradizionale e le nuove generazioni. VoiceOver è il sistema di sintesi vocale integrata nel minuscolo lettore MP3 appena reso disponibile dalla Apple. Con questo sistema il titolo di ciascun brano registrato, il nome dell'interprete e l'eventuale playlist in cui il brano stato salvato vengono "annunciati" in cuffia, superando così l'unica limitazione che fino a oggi distingueva il lettore low cost dagli altri modelli: la mancanza di un display. Una sorta di RDS vocale. Sulla sua newsletter Tom Taylor scrive oggi che VoiceOver potrebbe un giorno essere utilizzato per realizzare dei podcast musicali e diffondere dei brevi comunicati pubblicitari. "Tutti possibili concorrenti dei servizi offerti dalla radio", scrive il consulente. La sintesi vocale è già disponibile per l'inglese, il tedesco, lo spagnolo, il francese, il ceco, il polacco e altre lingue, ma non per l'italiano. Sempre sintesi è, non è una voce sexy come quella di Anna (la protagonista dello spot sul sito Apple), ma potrebbe essere la base per una nuova idea di interattività nei confronti dei contenuti audio.
 
Apple’s latest iPod Shuffle talks – supplying artist and title.

It’s still not a live-and-local DJ, but the latest improvement out of Cupertino is a VoiceOver function that identifies the title of the song, the artist, plus the name of whatever playlist you’ve parked it on. It’s also small – two inches long, and with 4 gigs of memory, there’s space for 1,000 songs. The new-model Shuffle is already available at the online iTunes store and Apple retail outlets. Just thinking ahead – a music podcast could talk to you, maybe even read you commercials. (Think a record company would like that?) Apple’s ingenuity opens up some possibilities that are all competitors to radio’s audio service.

13/03/2009 21:59
 

Voice Over vs Speaker

Magari un giorno, probabilmente nemmeno molto lontano, i tradizionali conduttori radiofonici potrebbero essere sostituiti da degli speaker computerizzati. Lavorerebbero di più, non necessiterebbero uno stipendio e farebbero tutto quello che l'editore gli chiederebbe. Giusto? Un po' come succede nel film S1MONE con Al Pacino. Ricordate?
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.