Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Iran: arriva il giorno della grande protesta non violenta. Completamente organizzata via web
Iran, giorno ventotto. Tra pochi giorni sarà passato un mese dal quel 12 giugno, anello di congiuntura tra il vecchio Iran di Ahmadinejad, triste e rassegnato, l’Iran delle esecuzioni di massa, l’Iran dei fanatismi religiosi, l’Iran dell’intolleranza, e questo nuovo paese, sempre in mano al presidente tiranno, ma questa volta acceso, vivo, desideroso di combattere per tentare di portare la democrazia in un paese che ne ha assaporata ben poca durante la propria storia. Ma come hanno fatto gli iraniani ad accendere i propri cuori nel tentativo d’inseguire una chimera della quale hanno solo sentito parlare ma che non sono mai riusciti a toccare con mano? In gran parte, attraverso la rete, vero e proprio motore portante della protesta di questi giorni, vero e proprio cavallo di Troia che i dissidenti hanno a disposizione in casa di Ahmadinejad e del suo governo repressivo. L’Onda verde non si arresta proprio perché è il web a tenerla viva. La mette in contatto con l’estero, riesce a tener vive le organizzazioni, altrimenti schiacciate dall’appiattimento mediatico imposto dal regime e dai suoi goffi tentativi di ristabilire l’ordine tramite l’informazione manipolata. Oggi è prevista una grande manifestazione pacifica a Teheran ed in altri centri minori dell’Iran. Ce lo fa sapere, ancora via internet, la studentessa dissidente Fatemeh Karimi, in contatto con Repubblica dal centro organizzativo della rivolta. Dovrebbe iniziare oggi alle 17 e, dopo il fallimento della passata manifestazione, cui in pochi erano riusciti a partecipare, oggi non si può sbagliare. Nonostante il governo abbia chiuso tutti gli uffici pubblici, inducendo gli impiegati ad abbandonare la capitale. Ma l’Onda verde che si nutre di internet continua ad essere viva. È stata organizzata, infatti, una singolare protesta che prevede il consumo sfrenato d’energia elettrica, al fine di farla saltare e favorire le proteste eversive, nel buio. Intanto, il governo non riconosciuto di Ahmadinejad continua a tentare di tallonare il passaggio d’informazioni. Ancora tre giorni fa, infatti, il capo dell’apparato giudiziario, ayatollah Mahmud Hashemi Shahrudi, ha annunciato pene severissime per quegli iraniani che si rendessero responsabili di fornire informazioni all’estero servendosi delle tv satellitari. L’obiettivo dichiarato è quello di affrontare con severità il possibile sviluppo di contatti via satellite da parte degli oppositori, per i quali è stata annunciata l’apertura di sezioni speciali presso le Corti di ogni provincia al fine di combattere il fenomeno del passaggio “pirata” d’informazioni verso l’estero. Tappato un buco, però, se ne riapre un altro. Alcune università americane ed inglesi hanno, infatti, messo a disposizione dell’Onda della banda libera su internet, nell’intento di viralizzare, se possibile, ancor di più il passaggio d’informazioni e mettere fuori gioco il governo di Teheran. (Giuseppe Colucci per NL)
09/07/2009 10:58
 
NOTIZIE CORRELATE
La tutela della libertà di espressione passa anche dalla commisurazione della sanzione pecuniaria inflitta ai giornalisti condannati al risarcimento.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
Il mutevole evolversi della coscienza sociale e il proliferare di mezzi di comunicazione di massa (tra cui anche quelli telematici) pongono il problema concernente l'individuazione del ruolo dell’informazione e dei limiti di liceità della stessa, ove potenzialmente lesive della reputazione altrui, nel contemperamento dei diritti del singolo alla diffusione di notizie che, seppur veritiere, potrebbero mettere in pericolo il valore dell’onore, tutelato dalla Carta Costituzionale, e dell’interesse pubblico alla diffusione di notizie di rilevanza pubblica.
Come noto, ai sensi del c. 1 dell’art. 1 della L. 62/2001, per “prodotto editoriale” si intende “il prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici”.
A Palazzo Pirelli cronisti e forze dell’ordine a confronto: il mondo dell’informazione cambia e stare al passo richiede sforzi congiunti.