Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Iran e censura. 'L'Ue Sanzioni Siemens e Nokia, hanno collaborato con Ahmadinejad'
'L'Unione europea sanzioni Siemens e Nokia' per aver 'fornito al regime di Ahmadinejad il sistema di censura via web', che 'ogni giorno produce arresti, torture e anche esecuzioni capitali, oltre ai reati di violazione della privacy e della liberta' di espressione'. A chiedere le sanzioni e' l'esecutivo dell'associazione con sede a Firenze Information safety and freedom (Isf), che si batte per la liberta' di stampa e di espressione nel mondo. Nella vicenda, spiega una nota di Isf, 'sarebbero coinvolte anche aziende italiane'. 'Le aziende europee Siemens e Nokia - si legge in un documento diffuso oggi dall'esecutivo di Isf - hanno recentemente confermato di aver progettato il sistema di filtraggio e censura delle comunicazioni fornendolo alle societa' iraniane Itc e Cic che lo utilizzano per conto del ministero della Cultura allo scopo di identificare i dissidenti e bloccare siti sgraditi all'interno dell'Iran'. 'Sono almeno 5.000 - continua il documento - i siti chiusi in questi ultimi mesi, mentre migliaia di utenti di tecnologie di comunicazione sono stati arrestati'. Isf ricorda poi le sanzioni imposte a Yahoo! dalla commissione Affari esteri della Camera degli Stati Uniti per aver collaborato con le autorita' cinesi per l'identificazione di una utente web, rendendosi complice 'nella violazione dei diritti umani'. (ADUC)
26/06/2009 20:03
 
NOTIZIE CORRELATE
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.
Attraverso un post sul blog aziendale firmato da Kent Walker, vice presidente di Google, l’azienda di Mountain View risponde alla Commissione UE: per loro non c’è alcun abuso di posizione dominante.
Dopo Google, anche Apple lancia la sua idea per innovare il piccolo schermo: si chiama "Tv", un’applicazione che, come il set top box di Mountain View, mira a creare, come dice il ceo Tim Cook (foto), “un unico posto in cui accedere a tutti i vostri show tv e ai film”.