Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Istruzione e web. A scuola di You Tube
Se la scuola è il luogo deputato alla trasmissione del sapere, è anche il luogo dove l’istruzione deve essere declinata unitamente all’educazione civile, come ad esempio l’uso corretto dei nuovi strumenti della comunicazione. La scuola italiana inizia a capirlo e se qualche insegnante si mostra ancora scettico o storce il naso di fronte alla necessità di informare i giovani sull’uso corretto di facebook o di You Tube, beh…si faccia coraggio, perché nelle nostre scuole si darà sempre più spazio a queste problematiche. Interessante, quindi, l’iniziativa dell’ITI Majorana di Grugliasco,dove il 23 aprile si è tenuto un seminario dal titolo “Contenuti, identità e cittadinanza digitale”. L’incontro è stato organizzato dall’ITI Majorana e dall’Associazione Dschola, un ente che promuove nelle scuole la valorizzazione della dimensione informatica. A Grugliasco sono state affrontatate diverse tematiche, come sapere prima di tutto come funzionano i Social Network, come devono essere correttamente utilizzati dai giovani, ma anche come comportarsi a proposito di privacy. Il pubblico giovanile è certamente quello più interessato a queste nuove modalità di partecipazione sociale, basti pensare al grande successo ottenuto da You Tube, ma a nulla vale scandalizzarsi dell’uso scorretto che i ragazzi ne fanno se nessuno insegna loro il corretto approccio. I nuovi media possono costituire una grande opportunità e non devono essere lasciati alla registrazione di banalità e di situazioni estemporanee, che cadono fin troppo spesso nel superficiale, nel volgare e addirittura nell’illegale. (Antonio F. Vinci per NL)
25/04/2009 13:33
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.