Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Italia.it, Berlusconi ne annuncia il ritorno. Sarà la volta buona?
Berlusconi ci crede ancora: il progetto web Italia.it è stato recentemente rilanciato dal premier in compagnia del Ministro del Turismo, Michela Vittoria Brambilla e sembra che possa essere messo online già da metà luglio. Pochi credono alla data della pubblicazione definitiva, ma molti sono curiosi di visitare un prodotto che ha già fatto sperperare oltre 7 milioni di euro, senza che nulla sia mai stato effettivamente realizzato. Ma Silvio Berlusconi vuole puntare sul turismo e vorrebbe che il settore crescesse tanto bene da divenire il 20% del PIL del Belpaese. Un obiettivo che sarà possibile raggiungere anche con l’ottimizzazione del sito Italia.it, che rimane ancora al centro di polemiche per la scelta del logo che lo contraddistinguerà (foto). A quanto pare, infatti, il portale del turismo all’italiana potrebbe chiamarsi Magic Italy, locuzione che dovrebbe (almeno nella testa del premier) ricordare per assonanza quella di Made in Italy. Un modo come un altro per dare nuova vita all’eccellenza e all’essenza di tutto ciò che per arte, moda e design, natura, sapori e bellezza, conserva le sue radici nella tradizione italiana. Il sito che verrà pubblicato (stando alle indiscrezioni) a metà luglio, naturalmente non sarà quello definitivo. Per una versione completa e aggiornata dovremo aspettare ancora un po’. Comunque nulla in proposito è trapelato durante la conferenza stampa ufficiale tenuta dalla Brambilla. Nemmeno un’idea di quali saranno i nuovi costi che l’Italia dovrà sostenere per recuperare un sito che solo l’anno scorso stava naufragando. (Marco Menoncello per NL)
 
29/06/2009 09:49
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Tagli drastici al pacchetto calcio con l’obiettivo di ridurre le spese: questo l’intento annunciato da Piersilvio Berlusconi durante la presentazione delle linee di sviluppo della pay-tv relative all’anno 2020.
Presentate il 18/01 a Londra le Linee guida di sviluppo Mediaset: atteso al 2020 un miglioramento dell'EBIT di 468 milioni nelle attività media italiane. Raccolta pubblicitaria 2016 in crescita del 4,0%.
Un nuovo comunicato stampa telegrafico della francese Vivendi annuncia il raggiungimento di quel 20% del capitale Mediaset che era l’obiettivo annunciato del gruppo solo tre giorni fa; adesso, la media company guidata da Vincent Bolloré, può entrare nel cda del Biscione.
Si fanno sempre più tesi i rapporti tra Mediaset e i francesi di Vivendi a riguardo della mancata acquisizione della pay tv Premium, querelle ormai approdata nelle aule giudiziarie.