Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
ITV pensa ad una fusione con le rivali Channel 4 e Five
(DVB24.it) - Secondo “The Guardian” ITV starebbe pianificando una fusione con i canali rivali Channel 4 e Five con l’obiettivo di tagliare i costi e creare maggiore concorrenza sul mercato.
Se la fusione andasse in porto, anche se dovrà essere approvata da tutti gli enti regolatori, il nuovo polo televisivo deterrebbe oltre il 60% della pubblicità in televisione e potrebbe certo fare una maggiore concorrenza ai due leader del settore, BBC e BSkyB.
Un portavoce di ITV ha dichiarato: “Stiamo cercando di capire insieme al Governo e all’ente dell’Ofcom di capire come cercare di fare al meglio competizione al servizio pubblico della BBC. Solo dopo aver esaminato tutte le soluzioni possibili decideremo cosa è meglio fare per la salute del mondo televisivo in Regno Unito.”
 
02/03/2009 07:41
 
NOTIZIE CORRELATE
Con la Brexit non si profilano solo conseguenze sulla finanza e le esportazioni: il Regno Unito rischia, infatti, di tagliare una corposa dose di fondi per uno dei suoi mercati più fiorenti, cioè quello audiovisivo.
Gli inserzionisti pubblicitari inglesi chiedono alle agenzie di conoscere gli effetti dei propri investimenti attraverso l’inserimento di un ulteriore soggetto esterno alla filiera; per le agenzie negativi gli interventi di terzi.
Il nuovo piano di spesa comporterà tagli, entro il 2022, di oltre 100 milioni di euro. Il governo interviene a supporto della redazione internazionale. Previsto per fine marzo un riassetto editoriale.
Non sembrano aver fine i tagli in casa Bbc, società concessionaria in esclusiva del servizio pubblico radiotelevisivo nel Regno Unito, nonché il più grande editore radiotelevisivo inglese con sede a Londra: da febbraio 2016, infatti, Bbc3, il canale dedicato ai giovani, abbandonerà la tv lineare per diventare un canale unicamente on line.
La Bbc annuncia all’orizzonte ulteriori tagli che rischiano di tradursi in almeno 30 mila nuovi licenziamenti all’interno dell’industria televisiva inglese.