Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
L’editoria USA punta sul web
(Adginforma) - L’online a pagamento contro la crisi dell’editoria. È questa la risposta di tre nomi importanti del mondo dell’informazione a stelle e strisce: Steve Brill fondatore di Court Tv e del giornale specializzato American Lawyer, Gordon Crovitz ex editore del Wall Street Journal e Leo Hindery manager delle telecomunicazioni.
Il progetto si chiama “Journalism online”. Si tratta di un portale, attivo dal prossimo autunno, che consentirà a testate di medie e piccole dimensioni di potere fornire i propri servizi giornalistici a pagamento, senza dovere investire in un software ad hoc. Un solo portale per più testate significherà non solo spese inferiori per ogni editore, ma vorrà anche dire che uno stesso lettore potrà usufruire di due o più abbonamenti sullo stesso sito. I tre soci sono convinti che la soluzione per uscire dall’attuale stato di crisi sia proprio nella lettura delle notizie, o di buona parte di queste, a pagamento. La “tariffa” a pezzo, i pacchetti di offerte, l’eventuale possibilità di leggere gratuitamente l’incipit di un articolo saranno a totale discrezione della testata che decida di aderire al progetto. Journalism Online, invece, proporrà di sua iniziativa offerte che consentano al lettore l’accesso ai contenuti di tutti i giornali che facciano capo al portale. Journalism Online si farà inoltre carico di tenere aggiornati gli editori con report periodici sull’andamento del servizio e sulle formule maggiormente remunerative. “Pensiamo che si tratti di un momento particolare – spiega Steven Brill – in cui si ha un bisogno urgente di un nuovo modello di business che permetta al giornalismo di qualità di beneficiare del meccanismo efficiente di consegna e distribuzione via Internet, piuttosto che esserne vittima”.
 
22/04/2009 17:19
 
NOTIZIE CORRELATE
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
La notizia è rilevante non solo per l'entità economica dell'operazione, ma anche per il segnale che essa manda al settore delle tlc e dei content provider radio e tv.
Nella giornata di venerdì il web è andato in tilt a causa di un attacco informatico di alcuni hacker, per ora non identificati, partito da diversi dispositivi smart infettati e diretto ai server della Dyn, una delle più grosse compagnie americane che si occupa di gestire una grossa fetta dei DNS della rete statunitense.
Gli Stati Uniti voteranno oggi una proposta mirata a fornire agli operatori tlc delle nuove frequenze per lo sviluppo delle reti di quinta generazione; in Europa, invece, sembra interminabile il circo dei botta e risposta che continua solo a far perdere tempo.
Il presidente Ferro non intende vendere, anzi fa sapere che i suoi avvocati stanno lavorando a un’offerta per comprare. Il gruppo editoriale Gannett di USA Today ha lanciato un’opa sulla news company Tribune Publishing, il cui management pare non avere intenzione di cedere.