Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
La Commissione europea chiede alla Cina di rinunciare alla censura in Internet
La Commissione Europea esorta la Cina a rinunciare alla censura in Internet. L'introduzione di filtri per siti a contenuto pornografico mira chiaramente a "censurare Internet e a limitare le liberta' d'opinione", critica Bruxelles. Dal primo luglio saranno imposti dei programmi filtro sui computer in vendita, e le autorita' giustificano la misura con l'intento di salvaguardare i minori. Ma oltre alle diffuse critiche per la riduzione della liberta' d'espressione, e' dubbia la sicurezza del programma Green Dam - Youth Escort . "Bloccare o filtrare determinati contenuti in Internet e' assolutamente inaccettabile secondo l'Ue", ha spiegato la commissaria alle comunicazioni, Viviane Reding. Pechino dovrebbe sospendere l'adozione del filtro e spiegare i suoi piani all'Unione Europea. I media cinesi riferiscono che il filtro bloccherebbe anche le pagine scientifiche sulla sessualita'. (ADUC)
 
 
 
27/06/2009 18:14
 
NOTIZIE CORRELATE
Come si evolve la società e l’economia nell’era digitale? Questa la domanda fondamentale cui cerca di rispondere il Digital economy and society index (Desi) pubblicato dalla Commissione Europea.
Sono almeno vent'anni che la Cina e le sue imprese si stanno rapidamente imponendo come protagonisti di rilievo nella scena mondiale.
Facebook starebbe lavorando, secondo quanto riporta il New York Times, a un sistema automatico in grado di censurare determinati contenuti dalla sezione notizie sulla base dell’appartenenza geografica.
Attraverso un post sul blog aziendale firmato da Kent Walker, vice presidente di Google, l’azienda di Mountain View risponde alla Commissione UE: per loro non c’è alcun abuso di posizione dominante.
La Commissione Europea ha presentato una nuova proposta per l’abolizione dei sovrapprezzi sul roaming all’interno della Comunità entro giugno 2017, dopo aver scartato la precedente a causa delle diverse lamentele.