Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
La crisi dell’editoria si combatte online
(ADG Informa) - L’editoria è sempre più online. Il mondo di Internet è il luogo dove si cercano nuovi positivi risultati. Di certo, non mancano idee ed iniziative. Il Time ha inventato il magazine “fai da te”. Si chiama Mine e consente agli utenti di scegliere tra gli articoli delle testate del gruppo, andando a comporre una rivista personalizzata di 36 pagine, comprese le 4 di pubblicità. Il risultato del collage può essere consegnato via e-mail oppure in forma cartacea, via posta ordinaria.  L’introduzione di contenuti a pagamento, invece, sembra la risposta di due tra i quotidiani più noti e letti d’Inghilterra: The Times e The Independent. Sempre in Gran Bretagna, il The Sun sta preparando il lancio della propria radio online, previsto per il 20 aprile. Intanto a Seattle chiude l’edizione cartacea del Seattle Post, ma sopravvive la versione web della testata. (C.C.)
 

26/03/2009 07:54
 
NOTIZIE CORRELATE
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
Secondo l’ultima ricerca Nielsen, nel 2016 il mercato pubblicitario italiano del settore dei media/telecomunicazioni ha fatto registrare un aumento del 3,6% rispetto all’anno precedente per una raccolta complessiva pari a 8,2 mld di euro.
In un periodo in cui tutti si stanno attivando per cercare di arginare il più possibile il fenomeno delle bufale online, Wikipedia si fa sentire parlando proprio di attendibilità.
Chi legge i giornali lo fa sempre più spesso sul proprio telefonino. L'Acpm (Alliance pour le ciffres de la presse et des médias), incaricata di monitorare la diffusione della stampa in Francia, ha certificato il sorpasso del digitale (53%) sulla carta stampata (47%) per quanto riguarda le abitudini dei lettori, mentre, tra le persone che leggono i giornali sul web, il 41% utilizza uno smartphone e il 40% si avvale del pc.
Dopo la cessione del gruppo Banzai della divisione media a Mondadori (fatta eccezione per il Post e Giornalettismo) la compagnia di Paolo Ainio torna a concentrarsi solo sull’e-commerce lasciando il mercato pubblicitario.