Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
La Prefettura di Roma avvia l’estinzione dell’IMAIE, “Ente inutile che il Codacons ha dovuto denunciare più volte alla Procura della Repubblica”
Codacons: “Migliaia di esecutori ora possono chiedere di rivalersi sul patrimonio dell’ente gestito come una monarchia”. Scrive l'associazione di consumatori: "Novità sul fronte dei diritti degli esecutori musicali. Come si ricorderà il Codacons aveva avviato una battaglia contro l'Imaie (Istituto per i diritti degli Artisti Interpreti Esecutori), ente pubblico che ha raccolto nel corso degli anni fondi con lo scopo di distribuirli tra gli artisti aventi diritto. Tale distribuzione, però, spesso non è avvenuta; il Codacons denunciò come il motivo di tale omissione risiedesse nell'impossibilità dell'ente di reperire i soggetti interessati, tra i quali comparivano ad esempio Giorgio Panariello, Platinette, Brigitte Bardot, Loredana Bertè, i REM, i Rolling Stones, e addirittura la Banda dei Carabinieri!!! Si apprende ora direttamente dal sito dell'Imaie la notizia secondo cui il 23 febbraio scorso la Prefettura di Roma ha avviato il procedimento per la dichiarazione di estinzione dell'ente, ai sensi dell'art. 241/1990". "Si tratta indubbiamente di una buona notizia, che fa seguito a numerose denunce depositate dal Codacons in Procura per segnalare come l'Imaie fosse un ente inutile e rappresentasse uno spreco di denaro a danno di interpreti ed esecutori - afferma il Presidente Carlo Rienzi - Adesso gli artisti interessati potranno rivalersi sul patrimonio dell'ente, che per anni è stato gestito come una monarchia da pochi eletti scelti dai sindacati. La nostra associazione è pronta a fornire a costoro assistenza legale per recuperare le somme spettanti. Gli interessati possono inviare una mail all'indirizzo codacons.info@tiscali.it "
02/03/2009 22:56
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo streaming è ormai uno dei principali modi per ascoltare della musica ed è prevedibile che aumenterà di importanza nei prossimi anni anche in relazione agli esistenti supporti ed a quelli che verranno.
L’alleanza tra Spotify e SoundCloud potrebbe ributtare l'Europa nella variegata corsa alla leadership tecnologica. Di questo è assolutamente convinto il Financial Times che, dopo aver rivelato che Spotify sarebbe sempre più vicina all’acquisizione di SoundCloud, sottolinea come la fusione darebbe vita a un colosso della musica digitale ben più grande di Apple Music.
(continua da articolo precedente) Il download quindi aveva avviato le possibilità di acquisto di brani musicali in modo parecchio flessibile e svincolato da supporti intermedi necessari per il successivo ascolto.
(segue da articolo precedente) Fu subito chiaro che l’avvento di Internet avrebbe provocato una discontinuità e, con sospetto, si guardava al suo comparire; Internet apriva una finestra sul mondo.
Autori e cantanti europei seguono l’esempio statunitense e scrivono alla Commissione Europea lamentando l’iniquità delle fee pagate da Youtube e della protezione offerta dal safe harbour; dal