Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
La RAI cita per danni "Il Riformista" per 25 milioni di euro
La Rai ha dato mandato ai suoi legali di citare in giudizio per 25 milioni di euro il quotidiano il Riformista. Lo si legge in una nota dell'azienda di viale Mazzini.
La decisione, spiega la nota, ''e' stata presa in relazione al gravissimo danno di immagine arrecato all'Azienda da un articolo pubblicato oggi dal giornale (con il titolo 'Un carrozzone di 2004 giornalisti, 264 dirigenti, 8150...', ndr.) in cui vengono riportati dati palesemente parziali in una costruzione evidentemente tendenziosa che sembra avere come unico obiettivo quello di screditare la Rai. L'accostamento improprio ad altre realta' industriali italiane - spiega la nota - e l'esposizione non obiettiva corredata da una serie di informazioni distorte e' stata giudicata oltraggiosa e inaccettabile dall'Azienda che ha deciso di procedere immediatamente con la richiesta di risarcimento che verra' estesa a qualunque altro mezzo di informazione riportera' quei dati errati''. La Rai precisa inoltre, a titolo esemplificativo, che ''nel 2007 la posizione finanziaria del gruppo era positiva per 110 milioni di euro (e non dunque indebitata per 937 milioni di euro  come scrive il Riformista) e che il numero degli abbonati Rai paganti e' in costante crescita da 10 anni a questa parte (nel 2007 sono stati 95.000 in piu' che nel 2006) nonostante ci siano ogni anno decine di migliaia di disdette dovute quasi esclusivamente a ragioni demografiche''. (ANSA)
26/03/2009 17:13
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.