Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
La scomparsa di Mike Bongiorno, Piersilvio Berlusconi: "I miei primi ricordi con Mike risalgano a Telemilano 58"
"Oggi insieme a Mike se ne è andato un pezzo della storia della televisione, della storia del nostro paese e anche della mia vita personale. I miei primi ricordi con Mike risalgano addirittura a Telemilano 58, quindi prima della nascita di Canale 5", ha ricordato Piersilvio Berlusconi, vicepresidente di Mediaset. "Io e mia sorella Marina eravamo davvero piccoli e ogni tanto papà ci portava negli studi. Ricordo Mike indaffarato a far nascere questa nuova televisione.  Insomma, Mike ha partecipato alla nascita della televisione commerciale che ha contribuito alla modernità e alla crescita economica del paese. Mike per me significa tanto sentimento e tanta gratitudine", ha concluso Berlusconi jr.
 
 
 
08/09/2009 17:26
 
NOTIZIE CORRELATE
"La tv non ha confini per questo abbiamo lavorato per creare un sistema unico: abbiamo costruito il primo polo radiofonico in Italia, mezzo vivo e complementare alla tv".
Gennaio 2015, buon mese per Mediaset, che è salita di un punto e mezzo in prima serata, raggiungendo il 34,8% complessivo di share, sulla scia della crescita della punta di diamante del gruppo, Canale 5.
“Positività” è la sensazione che si respira nell’aria e che trapela dalle parole dell’a.d. della concessionaria Publitalia ‘80 e di Mediaset, Giuliano Adreani.
Zelig, Italia's Got Talent e per la fiction Il Tredicesimo Apostolo, sono attualmente le punte di diamante dell'ammiraglia Mediaset, che adotta una strategia attenta ai dati di bilancio e con una scarsa propensione per il rischio.
Nel corso del 1981 il network Canale 5 (inizialmente articolato nelle sottoreti Canale 5 e Canale 10) era stato costretto ad attuare una particolarissima contromisura per ovviare al blocco delle trasmissioni imposto dal pretore di Genova Giovanni Lalla.