Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
La televisione britannica è su iPhone
TVCatchup ha lanciato una versione, per iPhone ed iPod Touch, del suo sito web dedicato alla trasmissione in streaming dei programmi televisivi. Per gli amanti della televisione britannica che hanno uno dei gioielli mobili targati Apple, quindi, non sarà più necessario collegarsi ad internet per godere i servizi gratuiti del sito.
Dopo alcuni problemi legali che nei mesi scorsi hanno costretto TVCatchup alla sospensione di parte del servizio, ora i creatori del sito hanno realizzato una nuova sezione dedicata ai device Apple. Visitando il portale iphone.tvcatchup.com dal proprio dispositivo mobile della Mela, si avrà sempre a portata di mano una buona fetta di televisione britannica – di cui fanno parte le principali emittenti – con un ritardo di circa un minuto, rispetto alla messa in onda, per il collegamento streaming. Il sito web-televisivo dedicato ad iPhone ed iPod Touch, però, non funzionerà al di fuori del Regno Unito per problemi legislativi in materia di trasmissioni televisive, dicono i vertici di TVCatchup. La notizia, di per sé, non è una di quella da lasciare a bocca aperta. Però è importante osservarla in ottica futura, magari tutta italiana. Se la televisione inglese è stata portata su iPhone, gratis, perché non fare la stessa cosa anche con i canali televisivi del Belpaese? (Riccardo Delfanti - iPhone Up)
 
16/10/2009 07:41
 
NOTIZIE CORRELATE
I possessori dell’iPhone da tempo lamentano l’impossibilità di ascoltare dal loro melafonino la radio FM (allo stato la piattaforma distributiva dei programmi radiofonici più utilizzata in tutto il mondo, con una penetrazione assolutamente imparagonabile a quella di altri carrier).
Il nuovo piano di spesa comporterà tagli, entro il 2022, di oltre 100 milioni di euro. Il governo interviene a supporto della redazione internazionale. Previsto per fine marzo un riassetto editoriale.
Non sembrano aver fine i tagli in casa Bbc, società concessionaria in esclusiva del servizio pubblico radiotelevisivo nel Regno Unito, nonché il più grande editore radiotelevisivo inglese con sede a Londra: da febbraio 2016, infatti, Bbc3, il canale dedicato ai giovani, abbandonerà la tv lineare per diventare un canale unicamente on line.
La Bbc annuncia all’orizzonte ulteriori tagli che rischiano di tradursi in almeno 30 mila nuovi licenziamenti all’interno dell’industria televisiva inglese.
L’azienda del Regno Unito pressa gli utenti che si rifiutano di pagare il canone televisivo, che ammonta a 145,5 sterline: “Facciamo bene a fare tutto quello che possiamo” tuonano i vertici.