Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Le tv locali, le frequenze per tutti e le risorse (non per tutti)

Scrive il blogger Marco Mele, stimato giornalista de Il Sole 24 Ore specializzato in cose televisive, sulla pagina Media 2.0: "Tutto a posto, tutto in ordine, almeno per ora. L'Aeranti-Corallo, una delle due maggiori associazioni di emittenti locali, insieme alla Frt, non vede nero sul futuro delle emittenti locali con il digitale terrestre.

Almeno finquando non si arriverà a spegnere la tv analogica nella pianura padana, Lombardia in testa. Marco Rossignoli, che guida l'associazione da anni, è sincero: "A noi interessa che ciascuna tv locali diventi operatore di rete avendo assegnata una frequenza, senza accordi forzati imposti dallo Stato. In Sardegna è stato così e anche a Roma e nel Lazio, la più critica tra le regioni che passeranno al digitale nel 2009, ce la dovremmo fare". Dal suo punto di vista, nulla da dire. Tutto a posto, tutto in ordine. Le tv nazionali hanno ora un tetto ben preciso, quello di 24 frequenze per altrettanti multiplex, di cui tre per la tv mobile in Dvb-h (che, a oggi, non appare propriamente un successo di mercato). Se ci sono 55 frequenze utilizzabili, come nella zona Torino-Cuneo, non c'è problema a dare una frequenze a ciascuna delle 25 tv locali. Se saranno solo otto di meno, nel Lazio come le associazioni credono, sulla scia del Governo,.ci sarà spazio per tutti, anche se proprio di misura. Bene. Una domanda: si è proprio sicuri che questo modello di transizione al digitale sia il migliore, nell'interesse generale del sistema Italia? Ci sono risorse tali per cui ciascun operatore di rete locale potrà offrire sei canali tv o due ad Alta Definizione?Risorse economiche e in termini di diritti di trasmissione, s'intende. O si aprirà una nuova stagione di compravendita di frequenze regionali? Chi le comprerà, se c'è un tetto, concordato con la Ue, per le emittenti nazionali (che fotografa, nei fatti, il modello Sardegna, ampliando solo da due a tre le frequenze da assegnare a nuovi entranti e tv nazionali minori)? E non dovrebbe esserci un dividendo digitale da assegnare, con procedure comunitarie, anche a nuovi entranti che vogliano operare su una sola regione? Le cinque rei assegnate, lo saranno infatti per i soli operatori nazionali. Non si rischia di premiare con una larghezza di banda esagerata, rispetto alle capacità produttive, emittenti che non hanno mai nè prodotto televisione nè fatto informazione? Non sarebbe il caso di prevedere un dividendo digitale da assegnare, con gara competitiva, a servizi di mobilità in larga banda, anzichè assegnare tutta questa banda di frequenze alle televisioni, senza tener conto della concentrazione di risorse e diritti nella mani di pochi?"

24/04/2009 16:50
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.