Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Libertà di stampa: Italia paese solo "parzialmente libero" nel 2008 per Freedom House. Troppa repressione contro giornalisti
Il rapporto 2009 dell’Agenzia non governativa Americana porta con sé una serie di novità. Tra le altre, quella che più da vicino ci riguarda, è l’annuncio-shock che per la prima volta da quando Freedom House stila la mappa del mondo in termini di libertà di stampa (dal 1980), l’Italia non figura tra i paesi totalmente liberi.

 Per la prima volta l’Italia (precipitata al settantunesimo posto dopo il re insediamento di Berlusconi al potere) non figura tra i paesi con una stampa libera, ma c’è di più: nell’Europa Occidentale, che solitamente monopolizza le prime dieci posizioni, l’Italia è l’unico paese a non figurare tra i “free”. Solo la Turchia, che segue il nostro paese di una posizione, ha fatto peggio di noi. La Grecia, invece, che ci precede di una posizione, se l’è cavata per il rotto della cuffia. Quali sono le ragioni di questa disfatta è facile spiegarlo: “Nonostante l'Europa Occidentale goda a tutt'oggi della più ampia libertà di stampa, l'Italia è stata retrocessa nella categoria dei Paesi parzialmente liberi, dal momento che la libertà di parola è stata limitata da nuove leggi, dai tribunali, dalle crescenti intimidazioni subite dai giornalisti da parte della criminalità organizzata e dei gruppi di estrema destra, e a causa dell'eccessiva concentrazione della proprietà dei media”, sostengono gli autori del rapporto, effettuato su tutti e 195 paesi del globo. Il tallone d’Achille, sempre secondo Freedom House, dell’informazione italiana risiede “nella concentrazione insolitamente alta della proprietà dei media rispetto agli standard europei”. Berlusconi, infatti, controlla Mediaset attraverso la sua famiglia e la Rai attraverso il Governo; non solo, la legge Gasparri che, sempre secondo l’organizzazione, introduce norme per tutelare il presidente del Consiglio; e poi gli innumerevoli processi per diffamazione ai danni di giornalisti. Insomma, siamo anni luce lontani dagli standard di Paesi come Islanda (al primo posto), Norvegia e Finlandia (secondi a pari merito). Nelle prime dieci posizioni non ci sono paesi non europei, gli Stati Uniti sono ventiquattresimi. E noi siamo a pari merito con Benin e Israele. (Giuseppe Colucci per NL) 

01/05/2009 19:49
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Esiste ancora, nell’ambito giornalistico, una disparità di trattamento retributivo legata al genere di appartenenza. Questo, almeno, è il dato evidenziato da un articolo pubblicato sul sito di INPGI notizie intitolato “8 marzo/Le giornaliste continuano ad essere penalizzate”.
Le novità in tema di pensioni per i giornalisti non finiscono con la riforma dell’Inpgi: dal 1 gennaio 2017 è in vigore il cumulo gratuito dei contributi.
Approvata la nuova riforma pensionistica per l’Inpgi, ma non cessano le voci di protesta e i timori sul futuro dell’Istituto. La riforma, che ha ricevuto il placet di Ministero del Lavoro e Ministero dell’Economia, si è resa necessaria perché i conti in rosso dell’ente ne facevano presagire, nel giro di pochi anni, la chiusura o l’assorbimento nella cassa Inps.