Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Media. Turchia: crollano le vendite dei quotidiani. Il web sempre più cliccato
La crisi dell'editoria mondiale non risparmia i giornali turchi. Secondo un recente rapporto pubblicato da Today's Zaman, nell'ultimo anno le vendite dei maggiori quotidiani del Paese sono calate in modo costante malgrado le numerose campagne promozionali condotte per contrastare il fenomeno. Dal maggio del 2008 Hurriyet, il più diffuso quotidiano turco, ha perso 35.916 copie, passando da 503.394 a 467.478. In totale, il calo delle vendite per l'editoria turca è stimato in circa 550.000 unità. «La diffusione di internet è una delle ragioni principali di queste perdite perché un numero sempre crescente di persone legge gratis le edizioni online dei giornali», spiega Levent Gultekin, vicedirettore del quotidiano Star. In Turchia, però, la maggior parte dei quotidiani non appartiene a editori puri. Perciò, dice Yavuz Baydar, editorialista del Sunday's Zaman, «la maggior parte dei 36 giornali che circolano sopravvivono con un supporto finanziario esterno». (ANSA)
 
09/06/2009 15:49
 
NOTIZIE CORRELATE
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
Secondo l’ultima ricerca Nielsen, nel 2016 il mercato pubblicitario italiano del settore dei media/telecomunicazioni ha fatto registrare un aumento del 3,6% rispetto all’anno precedente per una raccolta complessiva pari a 8,2 mld di euro.
Critiche dal governo turco dopo le dichiarazioni del presidente del consiglio Matteo Renzi in merito alla libertà di stampa in Turchia, rilasciate durante la trasmissione 'Le invasioni barbariche' del 14 gennaio.
L’autorità governativa turca Rtuk, per il controllo di radio e televisione, ha revocato la licenza per le trasmissioni all’emittente televisiva Kanalturk Tv, voce apertamente critica nei confronti del governo.
“Da azionista ho le preoccupazioni di tutti, abbiamo visto la situazione del Corriere… Ma Mondadori non ha i debiti di Rcs e non deve vendere periodici come ha fatto il Corriere, ma è un momento di crisi preoccupante”.