Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Mediaset, Confalonieri: tv generalista nostro core business
(TGCom) - "La televisione generalista resterà il nostro 'core business' anche in ambiente digitale", ha detto Fedele Confalonieri, presidente Mediaset,all'assemblea degli azionisti, "ma la risposta alla nostra offerta 'pay' è molto positiva e non sembra risentire della crisi economica".
E il vicepresidente Pier Silvio Berlusconi ha aggiunto: "Nei primi 15 giorni di maggio verrà lanciato un nuovo canale sul cinema, con i grandi film in esclusiva e in prima assoluta". "Le carte attive di Mediaset Premium", prosegue Berlusconi, "sono arrivate a un totale di 3,3 milioni. Ogni volta che guardiamo i dati ci stupiamo dei risultati. Registriamo tra i 1.500 e i 2.000 abbonati al giorno: in giugno scadrà il 50% delle tessere e sarà una sfida importante per la quale non cambieremo i livelli di prezzo''.  Confalonieri è tornato poi a parlare dei risultati del gruppo e ha detto: "Per noi si archivia una stagione televisiva di ascolti brillanti e non è successo niente di preoccupante neanche con l'arrivo sul satellite di star di primissima grandezza. Si diceva che la frammentazione degli ascolti avrebbe reso più debole la tv generalista a favore di Internet e della tv a pagamento". Scettico sull'ipotesi che senza pubblicità gli ascolti aumentino. "Di previsioni strampalate", ha commentato il presidente, "ne abbiamo sentite tante come quella della pubblicità che avrebbe dovuto nuocere alla televisione. In Francia", ha proseguito Confalonieri, "hanno preso alla lettera questa previsione: hanno tolto la pubblicità dalla tv pubblica (per ora solo dalle 20 in avanti, ndr) per aumentare qualità e ascolti e per dirottare gli investimenti verso le emittenti commerciali. Il risultato è stato disastroso. Non un euro è andato ai privati e le risorse liberate sono scomparse dal mercato. Non un ascoltatore in più per France 2, 3, 4 e 5. Anzi un calo di audience". "Mi viene pure in mente", ha proseguito Confalonieri, "la campagna contro la pubblicità nei film fatta anni fa da Veltroni. Oggi quello che dicevamo noi allora, cioè che gli investimenti pubblicitari non tollerano indirizzi dirigistici ha trovato una sonante conferma".  E per quanto riguarda il mercato spagnolo, commentando le indiscrezioni di stampa secondo le quali la controllata spagnola Telecinco sarebbe in trattativa per eventuali accordi con le concorrenti La Sexta e Cuatro, ha detto: "Non c'è nessuna trattativa in corso, ma guardiamo con grande interesse al processo di integrazione del sistema televisivo spagnolo". Dello stesso parere Berlusconi che ha aggiunto: "E' chiaro che in questo contesto economico ci si guarda intorno: la crisi può portare opportunità e facciamo tante analisi, ma dal punto di vista di possibili acquisizioni novità a breve termine non ce ne sono"
23/04/2009 07:27
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.