Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Mediaset: spinge sul digitale terrestre, ma guarda alla web tv (pay)
Il futuro di Mediaset e' la pay-tv. La scommessa del Biscione passa per Internet e senza bisogno di fare accordi con Telecom Italia.
E' quanto scrive oggi Affari e Finanza, supplemento economico settimanale della Repubblica, che ha preso visione di un documento riservato che illustra il progetto strategico "Cube" del gruppo da qui al novembre 2010: portare su Internet tutti i contenuti di Premium.  L'offerta si baserebbe su due fattori chiave: in primo luogo, la possibilita' dei clienti di richiedere in ogni momento la visione di un qualsiasi programma trasmesso anche nei giorni precedenti dai palinsesti Mediaset, in chiaro o a pagamento; in secondo luogo, la proposizione di un catalogo di contenuti tra cui gli utenti possono scegliere la loro preferenza. La pre-condizione, invece, e' la presenza di una rete a banda larga "un-managed", ovvero non gestita, che non richieda accordi con le telecom. La strategia si renderebbe necessaria per riequilibrare i ricavi del gruppo: la pubblicita' rischia di restare debole e occorre quindi puntare su pubblicita' e pay-per-view.  Il progetto Cube prevede una strategia in tre mosse. Entro dicembre 2009 Mediaset vuole lanciare sul mercato il servizio di web tv, ovvero far arrivare i contenuti sul pc. Entro marzo 2010, invece, partirea' Mediaset Premium Web Tv, con offerta riservata ai possessori di abbonamenti ai canali Premium su digitale terrestre. Entro novembre 2010, il passaggo piu' importante, quello della Web Tv dal pc al televisore. Per vedere i programmi gli utenti dovranno dotarsi di un decoder speciale e la visione sara' di qualita' proporzionale alla qualita' della connessione dell'utente. (MF Dow Jones)
19/10/2009 21:36
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.