Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Microsoft non ha preso Yahoo! Ma vuole sorpassare Google
La corsa dei motori di ricerca non ha tregua. Anche se la posizione vincente rimane, senza troppe preoccupazioni, quella di Google. Ma Microsoft non si arrende. E dopo aver più volte accertato la scarsa diffusione e utilizzabilità del suo motore di ricerca (Live Search), ha deciso – come rivela il NYTimes.com – di pubblicarne un altro, che possa sfidare la potenza di Google. Si chiamerà Bing – nomignolo decisamente più adatto ad un search engine – e sarà online a breve, con il chiaro intento di migliorare l’esperienza web di milioni di esploratori. Forse al pari dei creatori di WolframAlpha (il motore di ricerca al “Tungsteno”), il Ceo di Microsoft Steve Ballmer (foto) ha spiegato che Bing mirerà ad un approccio più definito di internet. Il motore di ricerca non avrà solo lo scopo di raggiungere siti web a partire da una qualunque parola chiave, ma dovrà rispondere in modo più preciso alle richieste dell’utente. Si conoscono ancora pochi dettagli a riguardo, ma una cosa è certa: Ballmer ha definitivamente rinunciato a Yahoo! (per il quale l’anno scorso aveva offerto 46 miliardi di dollari), ma spera comunque che le due società possano trovare un accordo per combattere la supremazia di Google, che secondo molti esperti rimane ancora del tutto insormontabile. Quanto a Bing sarà un mix di contenuti. A quanto pare i risultati di ogni query (richiesta) saranno misti: scrivendo, per esempio, Steve Ballmer, appariranno pagine web, immagini, video e altro, in una pagina che quelli di Microsoft hanno battezzato “table of contents”. Sappiamo però che la sfida è molto complessa e sono molti i rivali che nonostante le premesse non hanno avuto successo. Sarà il caso di Ballmer? (Marco Menoncello per NL)
28/05/2009 16:33
 
NOTIZIE CORRELATE
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.
Ok della Commissione UE per l’acquisizione di Linkedin da parte di Microsoft ma a condizione che, nei prossimi cinque anni, il colosso di Redmond rispetti tre condizioni vincolanti che saranno monitorate dall’UE.
Attraverso un post sul blog aziendale firmato da Kent Walker, vice presidente di Google, l’azienda di Mountain View risponde alla Commissione UE: per loro non c’è alcun abuso di posizione dominante.