Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Motori di ricerca. Massiccia campagna pubblicitaria per il lancio dell'Antigoogle, Bing.com
Microsoft scommette pesante sul lancio del suo nuovo motore di ricerca. Per convincere il mondo a passare al suo “decision engine”, sul piatto ci sarebbero addirittura 100 milioni di dollari. Ma gli esperti ancora si chiedono se saranno sufficienti a promuovere Bing!, l'Antigoogle ideato da Microsoft. I tecnici di Redmonton sono convinti che l’algoritmo su cui è stato fondato Bing.com sia molto più efficace di quelli dei suoi concorrenti. E presentano Bing come un “decision engine”, un “motore di ricerca decisionale”. Non solo ricerche online quindi, ma un efficace supporto per prendere le piccole e grandi decisioni di tutti i giorni. Microsoft è convinta che questa sia la chiave del successo. E ora deve “solo” trasmettere la stessa convinzione a milioni di utenti in tutto il mondo, nella speranza che ognuno di loro impari a cambiare le proprie abitudini. Per farlo punta tutto sulla pubblicità. Bing.com è andato online il 3 giugno, e in quella data è partita una imponente campagna pubblicitaria. Microsoft è pronta a spendere quasi 100 milioni di dollari. E non solo in pubblicità tradizionale e affissioni. Per rendere il brand Bing più vicino ai propri utenti verrà inserito all’interno di live show, quiz televisivi, serie tv e quant’altro. Marketing a tutto campo. Ma siamo quasi certi che questi sforzi non basteranno a mettere in crisi Google. (Davide Agazzi per NL)
05/06/2009 20:12
 
NOTIZIE CORRELATE
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.
Ok della Commissione UE per l’acquisizione di Linkedin da parte di Microsoft ma a condizione che, nei prossimi cinque anni, il colosso di Redmond rispetti tre condizioni vincolanti che saranno monitorate dall’UE.
Attraverso un post sul blog aziendale firmato da Kent Walker, vice presidente di Google, l’azienda di Mountain View risponde alla Commissione UE: per loro non c’è alcun abuso di posizione dominante.