Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Multimediale: il futuro è digitale. E a pagamento
Così sembra pensarla Murdoch, che ha già tracciato gli scenari dell’editoria multimediale mondiale. Completamente digitale, ma solo tra dieci o quindici anni.
Perché la gente normale si deve abituare alle nuove tecnologie, che ancora si devono evolvere (vedi Amazon Kindle). Le edizioni cartacee dunque hanno ancora un senso, ma per poco. Ma gli editori devono progressivamente muoversi verso il digitale e trovare il modo di proteggere i propri “diritti d’autore”, per far sì che il mondo reale e il mondo digitale possano convivere, per non rendere inutili le edizioni cartacee. Questo in sostanza il Murdoch-pensiero, espresso nel corso di un’intervista ad una delle sue tv, Fox Business. Il tutto per spiegare quello che sarà il futuro del Wall Street Journal, che già punta molto su forme differenziate di abbonamento alla versione online. E mentre Murdoch rilasciava questa intervista, a Chicago i manager dei principali gruppi editoriali americani si incontravano proprio per definire uno schema di azione comune, per far pagare le notizie online e cercare di salvare una nave che troppo spesso sembra sull’orlo di affondare, a causa di investimenti pubblicitari e cali delle vendite. Dunque il futuro non solo è digitale, ma anche a pagamento. Nonostante le premesse con le quali internet nacque fossero decisamente diverse. (Davide Agazzi per NL).
04/06/2009 16:43
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
News Corp chiude in perdita il suo secondo trimestre fiscale: determinanti gli oneri dovuti alle attività australiane connesse alla stampa. Il gruppo editoriale di Rupert Murdoch che pubblica, tra gli altri, il Wall Street Journal e The Sun, ha rilevato un rosso di 219 mln di dollari nei tre mesi al 31 dicembre scorso contro i 106 mln del periodo omologo dell'anno precedente.