Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Napolitano: il pluralismo nell'informazione è insostituibile per stampa e radio-tv, specie quella pubblica
"Rispettare nella carta stampata e nella radio-tv, specie quella pubblica, l'insostituibile valore del pluralismo".
E' l'esortazione che il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha lanciayo nel suo intervento al Quirinale in occasione della celebrazione della 'Giornata dell'Informazione'. Il Capo dello Stato ha preso spunto dai due premi assegnati a Giulio Andreotti e a Pietro Ingrao, per osservare che "la loro lunga e significativa storia politica oltre che giornalistica sottolinea bene la diversita' delle voci che devono trovare spazio in democrazia, nel grande mondo di una stampa libera; come lo ha in effetti trovato nel nostro Paese nel corso dei decenni: e' un esempio da cui trarre forza". (fonte Adnkronos
17/10/2009 06:59
 
NOTIZIE CORRELATE
La tutela della libertà di espressione passa anche dalla commisurazione della sanzione pecuniaria inflitta ai giornalisti condannati al risarcimento.
Non si placano gli animi dei giornalisti romani dipendenti di Mediaset, preoccupati per un ridimensionamento della sede del Tg5. Solo pochi giorni fa l’incontro tra i vertici del Biscione e i sindacati del settore sembrava aver fugato dubbi e timori circa un intervento sulla sede capitolina.
Mentre il settore dell’editoria deve cercare di galleggiare nel mare dei media dell’informazione (a causa della crisi il settore in sei anni è sceso sotto l’1,5% del Pil, sebbene nel 2015 e nel 2016 abbia conosciuto una piccola ripresa), il settore audiovisivo inizia invece la sua rivoluzione presentando buone percentuali di crescita.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
Il mutevole evolversi della coscienza sociale e il proliferare di mezzi di comunicazione di massa (tra cui anche quelli telematici) pongono il problema concernente l'individuazione del ruolo dell’informazione e dei limiti di liceità della stessa, ove potenzialmente lesive della reputazione altrui, nel contemperamento dei diritti del singolo alla diffusione di notizie che, seppur veritiere, potrebbero mettere in pericolo il valore dell’onore, tutelato dalla Carta Costituzionale, e dell’interesse pubblico alla diffusione di notizie di rilevanza pubblica.