Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Netflix arriverà in Italia. Con o senza banda larga
Dopo aver travolto la catena di negozi Blockbuster e dopo aver triplicato il valore delle proprie azioni (ora 280 dollari) nel giro di un solo anno, Netflix esce dagli Stati Uniti e dal Canada (20 milioni di abbonati) per imporsi anche sui mercati internazionali.
Con un ordine ben preciso: prima di tutto il Vecchio Continente (il secondo maggiore consumatore di cinema hollywoodiano), poi l’Asia e, infine, il resto del mondo. Lo sbarco in Europa, come ha ammesso il fondatore di Netflix, Reed Hastings, terrà in particolare considerazione (guarda caso) il mercato italiano dove le offerte di video on demand stanno facendo in questo momento i loro primi passi. Ragion per cui la concorrenza potrebbe essere più spietata. Come è noto, per quanto riguarda il Belpaese, Netflix dovrà evidentemente temere i rivali di Mediaset Premium Net Tv e Sky Anytime, alter ego dell’omonimo servizio britannico in arrivo entro il prossimo Natale. L’idea è sempre quella che alimenta il mercato del settore dell’audiovisivo negli ultimi anni: internet, inteso in primis come mezzo per veicolare i contenuti, si sta imponendo come futuro della televisione. E non è solo il mezzo in sé a imporsi, ma anche il tempo che si destina alla fruizione dei medesimi contenuti e che sceglie, preferibilmente, la visione in differita. Con quale formula? Quella più semplice: pagare un fisso mensile per poter accedere a centinaia (se non migliaia) di contenuti. Senza penali per il ritardo della restituzione del dvd (come accadeva per Blockbuster) e con la possibilità di poter essere connessi non solo a decoder e tv internet-ready, ma anche alle consolle di videogiochi, in modo da raggiungere anche il pubblico più giovane e dinamico (almeno nelle scelte). Unico ostacolo, almeno per l’Italia, è il solito problema di ritardo nell’evoluzione della banda larga, che se già vicina alla congestione per quanto riguarda le connessioni di terza generazione con apparecchi mobili, è da considerare prossima al collasso nelle connessioni con velocità Dsl, a causa della spaventosa e rapida impennata del traffico. Insomma, Netflix, Mediaset Premium Net Tv o Sky Anytime otterranno sicuramente il favore del pubblico italiano, forse più disposto e più veloce di altri paesi europei a spendere in questo settore. Ma tutto il processo verrà rallentato dall’annosa (ormai bisogna considerarla tale) questione dell’evoluzione della banda larga alla quale pare sempre più difficile trovare un immediato rimedio. Un problema che, per fare un esempio decisamente comune, diventa riconoscibile sempre più spesso già nelle ore serali, e solitamente nelle località adiacenti alle grandi aree urbane non servite da fibra ottica: internet rallenta, il browser carica le pagine difficilmente e l’utente si innervosisce ricordando, suo malgrado, l’esasperante navigazione a 56Kb. Non è vero? (M.M. per NL)
11/04/2011 10:59
 
NOTIZIE CORRELATE
Netflix da record nel 2016, nonostante gli scetticismi provenienti da alcune fonti, alla fine il gigante californiano ha chiuso l’ultimo trimestre dell’anno trascorso con i conti in regola (anche in borsa) e un parco utenti che sale vertiginosamente, avvicinandosi sempre di più alla quota dei 100 milioni.
I giganti dello streaming on demand puntano ad aumentare le produzioni originali, una scelta che fino ad oggi si è rivelata vincente dal punto di vista commerciale.
Netflix apre la porta ai download: i contenuti presenti sul portale di streaming a pagamento di Los Gatos, infatti, saranno ora scaricabili attraverso l’applicazione disponibile per IOS e Android.
La maggior parte delle persone forse conosce Netflix grazie a “Narcos” o “Orange is the new black”, le serie tv che hanno spopolato in diversi paesi tra cui l’Italia ma, soprattutto, grazie al suo servizio SVOD (Subscription Video On Demand) che è il più diffuso al mondo, ma in origine l’azienda di Reed Hastings faceva altro.
Netflix e Disney sono prossime al matrimonio: questo, almeno, è quanto sostengono insistenti voci del settore per ora non confermate, un matrimonio fra la più grande piattaforma di streaming al mondo e lo storico produttore di contenuti.