Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
News online a pagamento? Non solo. Murdoch progetta contenuti premium per Hulu.com
Le strategie economiche dell’impero editoriale di News Corp. non riguarderanno solo le testate giornalistiche online. A garantirlo è lo stesso Rupert Murdoch che, secondo quanto riportato in data odierna dal Guardian online, avrebbe cominciato a ragionare sulle rendite derivanti dalla pubblicità sulla sua web tv Hulu.com.
Il quotidiano britannico spiega che il valore delle inserzioni sul web è ancora di molto inferiore a quello raggiunto dalla tv tradizionale. E considerando che Hulu.com è attivo (esclusivamente negli Usa; foto) dal 2007, le preoccupazione del magnate australiano è da considerare più che legittima. Come risolvere la questione? Probabilmente rendendo a pagamento alcuni contenuti tra i tanti proposti dalla web tv. Esattamente come News Corp. ha intenzione di fare per gran parte dei propri quotidiani telematici. Nel caso specifico di Hulu.com – dunque una joint venture tra i giganti della televisione statunitense NBC, Fox e Disney – l’operazione potrebbe risultare più semplice del previsto. Questo perché il portale web di Murdoch trasmette di fatto tutte le serie televisive note al grande pubblico, contemporaneamente in onda anche sulla tv tradizionale (tra cui i più popolari Dr. House, The Simpson, Family Guy, Lost, ecc.). Inoltre, la stazionarietà degli introiti pubblicitari su internet non avrà come unica conseguenza la progettazione di contenuti premium per i “web-spettatori” (nuove serie tv, episodi speciali, prime tv, ecc.), ma renderà remote altre interessanti operazioni commerciali, auspicate da Murdoch in passato, quale, per esempio, il lancio della versione inglese di Hulu.com. Infatti, la scarsa quantità di proventi pubblicitari avrebbe scoraggiato i vertici di News Corp. nel muovere il “passo britannico”. Anche perché, dall’altra parte dell’oceano, il servizio analogo offerto dalla BBC (BBC iPlayer) – peraltro gratuito – è ormai un concorrente troppo difficile da spodestare. E l’offerta, in questo senso, si starebbe ampliando con Channel 4, emittente che avrebbe concluso un accordo con YouTube per la riproduzione di contenuti nel noto portale di video user-generated. Insomma, per Murdoch la soluzione, qui come nei quotidiani online del gruppo, rimane ancora quella di un solido “paywall”, dietro il quale potranno rimanere solo gli utenti che sottoscriveranno un abbonamento con Hulu.com. Verrebbe da dire “stay tuned”, ma non è dato sapere quando Hulu.com sbarcherà in Italia. (Marco Menoncello per NL)
23/10/2009 12:40
 
NOTIZIE CORRELATE
Che la carta stampata stia attraversando un periodo di forte crisi non è una novità. I nuovi dati ADS (Accertamenti Dati diffusione Stampa) relativi al mese di dicembre 2016 e messi a confronto con quelli di dicembre 2015 evidenziano però una notevole caduta in termini di diffusione media, con riferimento sia all’Italia che all’Estero.
News Corp chiude in perdita il suo secondo trimestre fiscale: determinanti gli oneri dovuti alle attività australiane connesse alla stampa. Il gruppo editoriale di Rupert Murdoch che pubblica, tra gli altri, il Wall Street Journal e The Sun, ha rilevato un rosso di 219 mln di dollari nei tre mesi al 31 dicembre scorso contro i 106 mln del periodo omologo dell'anno precedente.
In un periodo in cui tutti si stanno attivando per cercare di arginare il più possibile il fenomeno delle bufale online, Wikipedia si fa sentire parlando proprio di attendibilità.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
Perdite di 38,1 mln di euro per Sky Italia nei conti 2016 (almeno fino al giugno di quest’anno), sebbene con un fatturato in crescita che ha raggiunto 2,8 miliardi, di cui più dell’80% derivato dagli abbonamenti residenziali della pay tv.