Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Nielsen: galoppa Internet. 22,9 milioni di italiani connessi a settembre

Le elaborazioni Nielsen (dati Audiweb powered by Nielsen, AW View) rivelano un’apertura fortemente in positivo per la stagione autunnale di internet. Ben 22,9 milioni di italiani si sono connessi ad internet almeno una volta, da casa o da ufficio, durante il mese di settembre, 1,3 milioni di utenti in più rispetto ad agosto.

Se questa crescita in parte coincide con il  rientro dalle ferie e la ripresa della quotidianità per la maggior parte degli italiani, estremamente significativo è invece l’andamento dei consumi pro-capite del web nell’ultimo anno. Rispetto a settembre 2008, infatti, si è registrato un forte aumento in tutte le metriche: tempo speso online (+ 29%), pagine viste (+ 28%) e sessioni mensili (+9%). Le sessioni mensili sono state 37, le pagine visualizzate da ogni utente hanno raggiunto quota 2.235 e i navigatori sono rimasti collegati in media quasi 32 ore, superando quindi la soglia di un’ora al giorno.  Lo scenario di internet non si mostra solo “roseo” nel senso di positivo, ma anche “rosa” per la continua crescita della presenza di donne online. Le donne su internet stanno infatti poco a poco raggiungendo gli uomini, passando in un solo anno dal 44% al 46% del totale dei navigatori.  Molto interessante è l’analisi di come queste percentuali cambino in base alla fascia d’età, da cui emerge che tra i navigatori dai 18 ai 34 anni le donne hanno addirittura superato gli uomini.

Distribuzione per genere nelle principali fasce d’età

Fonte: Elaborazioni Nielsen su dati Audiweb powered by Nielsen, Aw View, accessi da casa e ufficio, settembre 2009

“Le donne sempre più spesso si ritrovano in rete per chiacchierare, condividere esperienze, emozioni, dubbi e paure, scambiarsi consigli e opinioni su questioni personali così come su temi di attualità, come dimostrato dal grande successo dei portali a loro dedicati”, spiega Ombretta Capodaglio, marketing manager della divisione Online di Nielsen.  I principali portali femminili a settembre hanno raggiunto un’audience complessiva di 5,9 milioni di individui, di cui 3,3 milioni sono donne, quasi un terzo delle navigatrici totali. Solo un anno fa, erano un quarto del totale delle donne online. Leader del gruppo si conferma alfemminile.com, visitato dal 18% delle navigatrici italiane, percentuale che sale al 26% per le navigatrici tra i 25 e i 34 anni. Tra i top del settore, alfemminile.com è seguito da Donna Moderna, Nanopress Donna, Style.it, Leiweb, GirlPower, Elle, DonnaD, MSN Women, Marie Claire e Cosmopolitan.  Per le donne online in Italia però c’è ancora un po’ di strada da fare, come dimostrano gli esempi degli altri grandi paesi europei: se in Spagna e Germania infatti le donne rappresentano il 47% dei navigatori, nel Regno Unito hanno raggiunto il 50% e in Francia hanno addirittura superato gli uomini, arrivando al 51%. (Nielsen)

04/11/2009 16:54
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
Novità per Nielsen, che finalmente conquista la certificazione Media Rating Council (Mrc) negli Usa per la metodologia “Digital in Tv Ratings", che permette di associare alla tradizionale audience tv il pubblico che utilizza abitualmente altri supporti digitali, integrando quindi pc, tablet, smartphone e affini nella raccolta di dati interconnessi alla fruizione degli stessi programmi emessi su piccolo schermo.
Google e Facebook fanno incetta di utenti online sulle loro piattaforme: si tratta di numeri da capogiro, con utenti, per il mese di dicembre dello scorso anno, intorno ai 34 milioni per il search engine e i 28 milioni per il social.