Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Nielsen incontra grandi spender pubblicitari per presentare risultati analisi globale su fenomeno social network, tra sfide, opportunità ed advertising
Nielsen Online invita giovedì prossimo presso la sede Nielsen di Corsico per la presentazione dei risultati dell’analisi speciale realizzata dall’azienda sui social network nel mondo. “Nielsen Online ha ritenuto importante fornire al mercato un quadro completo della situazione con informazioni chiare e precise su quello che è stato il fenomeno internet del 2008, e che non mostra certo segni di cedimento anche nei primi mesi del 2009.” commenta Ombretta Capodaglio, marketing manager Nielsen Online, “La categoria Member Community, che comprende blog e social network, è ormai la quarta categoria web più visitata in assoluto, con 242 milioni di utenti e una penetrazione sul totale navigatori forte in tutti i mercati: dal 51% di Svizzera e Germania all’80% del Brasile, la media globale è del 67%”. Il nostro paese è sopra la media, con il 73% degli internauti italiani che visitano blog e social network. La percentuale di utenti internet che visitano siti di Member Community nel mondo è salita di 5 punti in un solo anno, un tasso di crescita più che doppio rispetto a quello delle altre quattro maggiori categorie. La crescita maggiore si è verificata in Germania, dove la penetrazione sugli utenti totali è passata dal 39% di dicembre 2007 al 51% di dicembre 2008. Grande crescita anche nel Regno Unito, in Spagna, Italia e Svizzera, paesi in cui la percentuale degli utenti di Member Community è salita di 10 punti rispetto a un anno fa. La crescita del numero di visitatori non è che un aspetto del fenomeno dei social network: altro dato impressionante è quello del tempo che gli utenti passano su questi siti. A livello globale, il tempo totale passato su internet è cresciuto del 18% nell’ultimo anno, mentre il tempo speso sui siti della categoria Member Community è cresciuto del 63%, e quello su Facebook addirittura del 566%, da 3,1 miliardi di minuti a dicembre 2007 fino a 20,5 miliardi di minuti nell’ultimo mese del 2008. Facebook è il nono brand più visitato al mondo ma quello con il più alto tempo medio per persona (3 ore e 10 minuti al mese, pari a 6 minuti al giorno) tra i 75 principali brand. In un contesto in cui la pubblicità tradizionale sta vivendo una crisi di credibilità, i social network offrono straordinarie opportunità per avvicinarsi ai consumatori in modo più aperto e diretto.  “L’incontro vuole essere soprattutto un’occasione per parlare del futuro dell’advertising su questo nuovo mezzo di comunicazione,” spiega Luca Bordin, managing director Italy Nielsen Online. “I social network stanno cambiando drasticamente il comportamento delle persone, non solo online, offrendo quindi nuove sfide e opportunità sia all’industria dei media che a quella pubblicitaria. La raccolta pubblicitaria non è per ora commisurata né alle audience né al livello di coinvolgimento degli utenti. Tuttavia, se si trova la formula magica per ottimizzare gli investimenti sui social network si potrà trasformare radicalmente l’efficacia della pubblicità su tutti i mezzi di comunicazione”. L’agenda prevede tra gli altri gli interventi di Layla Pavone, Presidente IAB Italia, Francesco Barbarani, Country Manager MySpace Italia, Salvatore Ippolito, Sales Director Microsoft Advertising, che esporranno la propria visione oltre a case history di successo di aziende che hanno investito nei social media. Per informazioni e iscrizioni, contattare federica.tenti@nielsen.com.
22/04/2009 14:50
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.