Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Nokia riscopre la radio con un ibrido Web/FM
Arriva la radio ibrida FM/Internet. Annunciata circa un anno fa Nokia Home Music arriva adesso sul mercato italiano.
E' una Internet radio con ricevitore FM integrato e supporta i principali protocolli per lo streaming su Web (WMA Streaming (WMS, MMS), RTSP/RTP (TCP), HTTP Streaming, Shoutcast, anche se non viene specificato se la compatibilità con il protocollo RTSP implica la capacità di riprodurre flussi Real Audio). La radio può anche essere collegata (presumo via USB, non vedo docking station) ai lettori mp3 e ai telefonini con funzioni musicali. La sezione Web utilizza il Wi-Fi per collegarsi direttamente alle stazioni radio su Internet. Il punto debole è il prezzo suggerito di 399 euro, che paiono francamente un po' eccessivi. (Radio Passioni)
Nokia Home Music, la radio al passo con i tempi

Il nuovo dispositivo Nokia aggiunge alle classiche frequenze tutte le potenzialità della rete e porta il mondo della musica nella tua casa

E’ lei, il primo medium multimediale per eccellenza, quello che dai primi esperimenti di Guglielmo Marconi nel 1895, inizia a portare il mondo nelle case della gente. E’ il 1924 quando nasce il primo programma radiofonico in Italia: la musica classica, le notizie meteo e le notizie di borsa arrivano così nelle case di pochi privilegiati. E’ negli anni ’40 che la Radio si conferma come il mezzo di comunicazione più potente e più veloce. Sono gli anni della grande guerra e la radio è il primo vero medium di massa. Negli anni ’50 l’esplosione e la musica della prima edizione del Festival di Sanremo entra nelle case di tutti gli italiani.
2009: Nokia racchiude l’affascinante e immenso mondo delle Web radio nella Nokia Home Music. Una vera e propria radio, dalle forme moderne e di design che strizzano al contempo l’occhio all’eleganza delle linee degli apparecchi anni ’50. Nokia Home Music, ora disponibile in tutti i Nokia Store ad un prezzo di 399 € iva inclusa, con la consueta semplicità offerta dalla casa finlandese, diffonde nelle stanze delle case tutta la potenza del broadcasting musicale del Web, senza naturalmente dimenticare le emittenti radiofoniche tradizionali.
Pensata per far vivere un’esperienza musicale completa, Nokia Home Music, offre agli amanti della musica la possibilità di avere un unico dispositivo che permetta di ascoltare tutte le internet radio, i podcast e le tradizionali radio FM semplicemente premendo un pulsante. Inoltre, collegando Nokia Home Musica ai propri lettori di musica digitale, telefoni cellulare o PC compatibili, gli utenti potranno ascoltare le loro raccolte musicali. Il dispositivo infine può anche essere collegato al proprio sistema stereo compatibile.
Nokia Home Music è facile da usare, grazie alla guida multimediale direttamente sul display a colori, la memorizzazione della cronologia e le cartelle dei Preferiti.

Nokia Music Home è compatibile con:

- Internet
- Radio FM
- Dispositivi mobili
- Lettori di musica digitale
- PC
- Schede di memoria

Nokia Music Home è dotato di:

- Display multimediale a colori
- Telecomando
- Cronologia e cartelle dei Preferiti
- Manopola rotante per la navigazione internet attraverso l'interfaccia utente
- Pulsanti programmabili
- Potenti altoparlanti

  • Formati dei file audio: AAC, AAC+, LPCM, WAV, MP3, WMA9, MP4, M4A,3GP, WMA BASE, WMA FULL
  • Formati playlist: PLS, M3U, ASX, ASF
  • Protocolli di streaming: WMA Streaming (WMS, MMS), RTSP/RTP (TCP), HTTP Streaming, Shoutcast.
09/10/2009 07:08
 
NOTIZIE CORRELATE
Spotify registra una forte crescita nell’ultimo semestre e raggiunge i 50 milioni di abbonati, distanziando Apple Music, fermo a 20 milioni di sottoscrizioni.
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Dal prossimo anno l’accesso ai contenuti in streaming di servizi SVOD sarà libero fra i paesi europei: questo è il contenuto nel recente accordo raggiunto da Parlamento e Consiglio Europeo.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.