Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Nokia Siemens: abbiamo venduto al regime iraniano tecnologia per controllo telefonate
Il gruppo di telecomunicazioni tedesco-finlandese Nokia Siemens ha ammesso ieri che la tecnologia venduta all'Iran permette di ascoltare le conversazioni telefoniche, ma non puo' essere utilizzata per sorvegliare internet. Nokia Siemens ha fornito all'operatore iraniano Tci la tecnologia di sorveglianza nell'ambito di un contratto firmato nel secondo semestre del 2008, ha detto un portavoce del gruppo, Ben Roome. 'I dispositivi di ascolto in Iran sono simili ad altri utilizzati in Europa', ha aggiunto.
La vicenda era gia stata resa nota giorni fa dai blog iraniani, trovando conferme anche in Germania, che hanno lanciato una petizione per boicottare Nokia, accusata di aver 'aiutato' l'Iran e 'spiare' i telefoni cellulari e le mail degli oppositori del regime di Teheran. (ADUC)
 
 
30/06/2009 21:37
 
NOTIZIE CORRELATE
La tutela della libertà di espressione passa anche dalla commisurazione della sanzione pecuniaria inflitta ai giornalisti condannati al risarcimento.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
Il mutevole evolversi della coscienza sociale e il proliferare di mezzi di comunicazione di massa (tra cui anche quelli telematici) pongono il problema concernente l'individuazione del ruolo dell’informazione e dei limiti di liceità della stessa, ove potenzialmente lesive della reputazione altrui, nel contemperamento dei diritti del singolo alla diffusione di notizie che, seppur veritiere, potrebbero mettere in pericolo il valore dell’onore, tutelato dalla Carta Costituzionale, e dell’interesse pubblico alla diffusione di notizie di rilevanza pubblica.
Come noto, ai sensi del c. 1 dell’art. 1 della L. 62/2001, per “prodotto editoriale” si intende “il prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici”.
A Palazzo Pirelli cronisti e forze dell’ordine a confronto: il mondo dell’informazione cambia e stare al passo richiede sforzi congiunti.