Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Non c'è pace per il Tg1: dopo il caso Minzolini, un'interrogazione parlamentare su un controverso servizio andato in onda a settembre
L’On. Luigi Bobba (PD), Vice Presidente della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati, ha presentato un’Interrogazione urgente al Presidente e Direttore Generale della Rai relativa a un servizio andato in onda il 9 settembre 2009, durante il TG 1 delle ore 20.00.
Il servizio mostrava il salvataggio da parte della Guardia Costiera di 35 immigrati, di origine turca, afghana, iraniana, tra cui 3 minori. “Il 15 settembre 2009 - spiega l’On. Luigi Bobba - il sito www.malainformazione.it, con un articolo a firma di Marco Reis (direttore del portale dell’Osservatorio sull’Informazione), evidenziava le perplessità di alcuni cittadini sul servizio citato, circa la veridicità di quanto trasmesso. Reis ha inviato sia alla redazione del TG1 sia alla Guardia Costiera una mail per richiedere chiarimenti in merito, mail alla quale non ha avuto risposta”. I punti oscuri che si evincono dal sito riguardano in particolar modo il fatto che non vi fosse “nessun gommone o imbarcazione di fortuna”, ma “una buona barca a vela che pare ancorata. La barca ha la velatura ripiegata e espone sul pennone la bandiera italiana”; che il “mare è assolutamente piatto. In tutte le riprese non appaiono onde di nessun genere. Le uniche leggere increspature dell’acqua sono date dai vortici creati dalle pale dell’elicottero”. Infine, si fa presente che “il mare agitato dopo pochi minuti non è più un ostacolo. Cioè, prima si lanciano 2 elicotteri ‘di soccorso’ con la presenza di due troupe televisive e poi invece bastano pochi minuti per scoprire che era sufficiente mandare una barca”. La presenza di 3 bambini nel servizio del 9 settembre, accentua la gravità della ipotesi posta in essere e, qualora ne fosse accertata la fondatezza, violerebbe anche la Carta di Treviso, in materia di protezione di minori. “Per queste ragioni - conclude l’On. Luigi Bobba - ho chiesto ai vertici RAI di sapere perché non siano state ancora chiarite le dinamiche del servizio e non siano state smentite le ipotesi di messinscena pubblicate sul sito www.malainformazione.it; chi ha materialmente realizzato il servizio filmato trasmesso in data 9 settembre 2009 e quali mezzi pubblici sono stati utilizzati per effettuare il presunto salvataggio e per filmarlo”.
05/10/2009 08:01
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.